Skin ADV
Venerdì 10 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



13 Ottobre 2014, 12.01
Valtrompia
La nota del notaio

Magistrati e Notai, quale responsabilità disciplinare

di Fabrizio Santosuosso
Il 2006 rappresenta per l’Italia un anno rivoluzionario per il sistema disciplinare di due categorie istituzionali, di fondamentale importanza per la vita di uno Stato. Per i notai ci sarebbero ancora troppi margini di discrezionalità

Nel 2006, infatti, vengono modificate sia le regole che riguardano i procedimenti disciplinari a carico dei Magistrati, sia quelle relative ai procedimenti disciplinari a carico dei Notai.

Per quanto riguarda i Notai italiani, i due contrapposti principi fondamentali che vengono recepiti dal Legislatore nazionale sono:

A) da una parte, una elencazione tipica degli illeciti disciplinari (comportamenti previsti nel codice deontologico notarile, poi modificato nel 2008 e costantemente aggiornato);

B) dall’altra, il mantenimento di una norma “cd. in bianco” (art. 147 lett. a, legge 89/1913) che sanziona, a tutt’oggi, il comportamento del Notaio che “compromette in qualunque modo, con la propria condotta, nella vita pubblica o privata, la sua dignità o reputazione o il decoro e prestigio della classe notarile”.

In altri termini, per il notariato, viene mantenuta in vigore una norma che, nel 2014, consente persino la destituzione definitiva (ovvero, la “sola” sospensione temporanea dall’esercizio delle funzioni) del notaio che, in qualunque modo, con il proprio comportamento realizza la compromissione di valori “ontologicamente soggettivi”: il decoro ed il prestigio di una classe di appartenenza.

Per i Magistrati italiani, nel 2006, viceversa il sistema originariamente in vigore viene di fatto radicalmente modificato.
Infatti, fino al 2006 l’ analoga norma “in bianco” (oggi per i Notai l’art. 147 lett. a) Legge Notarile) era rappresentata, per i Magistrati, dall’art. 18, R.d. Lgs. 31 maggio 1946 N.ro 511.
Norma, questa, che prevedeva che “il magistrato che manchi ai suoi doveri ovvero tenga, in ufficio o fuori, una condotta tale che lo renda immeritevole della fiducia e della considerazione di cui deve godere, ovvero che comprometta il prestigio dell’Ordine Giudiziario, e’ soggetto a sanzioni disciplinari…..“.

Tale norma riguardante i Magistrati viene espressamente abrogata dall’art. 1 del D.Lgs del 23 febbraio 2006 N.ro 109.

L’attuale Legge in vigore, infatti, premessa una ampia e solenne enunciazione dei doveri e degli oneri di ciascun Magistrato, elenca una dettagliata e specifica casistica TIPICA degli illeciti disciplinari del Magistrato.

In altri termini, e per riassumere, nel sistema sanzionatorio disciplinare notarile all’elenco di illeciti tipici, si aggiunge un ampio e discrezionale criterio di atipicità nella individuazione degli illeciti perseguibili.
Criterio che, viceversa, nel sistema sanzionatorio dei Magistrati è stato di fatto ed in concreto abrogato nel 2006, a seguito di aspre critiche da parte sia della classe politica che da parte della stessa Magistratura.

Orbene, viene da chiedersi quali siano le motivazioni della relativa abrogazione che prevede, per i Magistrati e non per i Notai, il passaggio da un sistema di “atipicità degli illeciti” (quello ancora in vigore per i Notai) ad un sistema sanzionatorio basato correttamente sulla “tipicità degli illeciti” (quello oggi in vigore per i Magistrati).

La risposta deve essere evidentemente ricercata dalla avvertita esigenza (coerentemente presente nella Magistratura, ma inspiegabilmente assente in parte della Classe notarile) di non ancorare addebiti disciplinari ad un sistema sanzionatorio caratterizzato da indeterminatezza ed insufficienza di generiche previsioni.

Come autorevolmente affermato dalla stessa Magistratura, la latitudine di una norma in bianco (come l’art. 147 lett. a)) e la sostanziale genericità e discrezionalità delle nozioni di “compromissione”, di “decoro” e di “prestigio”, non consentono una corretta individuazione preventiva di ciò che (deontologicamente) lecito è e di ciò che, invece, (deontologicamente) lecito non tanto è.

La stessa classe politica e gli stessi Organi giudicanti dovrebbero porsi un serio quesito e, con un po’ di buon senso, chiedersi se, solo per il notariato e non per la Magistratura stante la abrogazione avvenuta, ci sia un interesse al mantenimento di una siffatta norma che, così come strutturata, può meglio duttilmente prestarsi ad un uso discriminatorio e strumentale da parte dei titolari della azione disciplinare.

In un ottica di civiltà giuridica e’ auspicabile una precisa regolamentazione coerente ed uniforme, di tutti quegli strumenti, quale quello disciplinare, che incidono inevitabilmente sui diritti soggettivi e fondamentali di ogni individuo.

Fabrizio Santosuosso - Notaio


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/05/2013 09:00:00
«Procedimenti disciplinari» Si assiste ad un'anomala impennata, senza precedenti, di procedimenti disciplinari a carico di notai. Il notaio Fabrizio Santosuosso scrive una "lettera aperta" indirizzata soprattutto alla Magistratura

20/04/2013 12:00:00
Aumenta la tensione tra cittadini, banche e notai La fortissima crisi economica del nostro Paese, aumenta la tensione tra i Cittadini, gli Istituti bancari ed i Notai. In questo caso si è arrivati alla denuncia sia della banca sia del notaio, che ha seguito l'atto di vendita

05/04/2013 09:00:00
Il «Blind Trust» È apparsa nei giorni scorsi, su un autorevole quotidiano, la notizia della soluzione di un "Blind Trust" per risolvere il noto problema del conflitto di interessi attribuito all'ex premier Silvio Berlusconi

14/04/2013 09:00:00
«L'arancia» e i nuovi imprenditori Progetto piuttosto interessante l'iniziativa "on line", sviluppata dal Consiglio Nazionale del Notariato e dedicata alle imprese

08/01/2014 09:10:00
I passi da fare in 6 mosse Per la scelta del mutuo e della Banca giusta, per le proprie esigenze, è fondamentale seguire alcune semplici regole. Eccole, prese dal blog del notaio Fabrizio Santosuosso



Notizie da Valtrompia
02/07/2020

Biker caduto a Sant'Onofrio

Intervento congiunto del Soccorso Alpino della Valle Sabbia e della Valle Trompia per soccorrere un biker caduto sul sentiero 434 fra Nave e Lumezzane

01/07/2020

Mascherina ancora per due settimane

In Lombardia obbligo di mascherina fino al 14 luglio. Dal 10 luglio via libera a calcetto e discoteche. Fontana: “Fa caldo ma parere dei virologi è mantenere precauzioni”

24/06/2020

Il primo webinar sui temi di attualità dell'economia

Questo giovedì il Presidente di AIB Giuseppe Pasini dialogherà con il giornalista Ferruccio De Bortoli, ex direttore di Corriere della Sera e Sole 24 Ore. Gli incontri metteranno a confronto gli imprenditori bresciani con importanti ospiti dell’economia e del giornalismo italiano.

05/06/2020

Brescia, nel primo trimestre 2020 pesante caduta della produzione

Nel periodo tra gennaio e marzo, la variazione della produzione delle imprese manifatturiere bresciane è del -13,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. Segnali negativi anche dall’artigianato manifatturiero

05/06/2020

Coldiretti, segnali positivi per un ritorno alla normalità

Dalla Bassa bresciana al lago di Garda, dalla Valcamonica alla Franciacorta, dopo l'emergenza gli agriturismi bresciani ripartono con impegno e passione per offrire ai visitatori il meglio del territorio in massima sicurezza

04/06/2020

La Valtrompia ad «Archivissima»

La mostra “Maternità, infanzia e leggi razziali dal dal 1926 al 1938”, digitalizzata grazie ad un laboratorio didattico, questo venerdì sera diventa un proposta dell’apprezzato festival torinese

04/06/2020

L'Ufficio Passaporti riparte con le prenotazioni

In Valsabbia la consegna dei passaporti già stampati nel periodo Covid avverrà tramite i Comandi territoriali dell’Arma dei Carabinieri

03/06/2020

Rilancio della montagna bresciana

Visit Brescia promuove tre incontri online per ciascuna delle Valli Bresciane per elaborare piani di rilancio “su misura” per promuovere il territorio e attrarre turisti

28/05/2020

I sette di Montagna che avanza

“Montagna che Avanza è il gruppo, prendersi cura è il motto!” così si presentano su Instagram, social su cui è molto vivo il progetto

23/05/2020

Multinazionali estere a Brescia

L’analisi, realizzata dall’Ufficio Studi e Ricerche Aib, ha riguardato le realtà manifatturiere, società di capitali, con fatturato superiore a 1 milione di euro, comprendendo partecipazioni di controllo e minoritarie (ma sopra il 25%). In provincia sono 103 le imprese locali a partecipazione estera, con un volume d’affari di 3,6 miliardi di euro

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier