Skin ADV
Lunedì 25 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



06 Luglio 2012, 13.00
Valtrompia
Opere

L'incerto destino dell'autostrada della Valtrompia

di Andrea Alesci
L'assessore provinciale Maria Teresa Vivaldini ha convocato un'audizione congiunta in Provincia tra le commissioni Bilancio e Lavori pubblici sulla questione. Entro fine luglio l'intenzione di concordare con Anas il programma dei lavori, altrimenti si andrà per vie legali
 
Ormai è entrata di diritto nell’aura del fantasy l’autostrada della Valtrompia, lambendo a tratti il genere del tragicomico.
 
A raccontarla pare una barzelletta che maschera il malcontento verso chi nei decenni ha stoppato, rimandato, ostacolato, dilazionato, spostato un’opera che se fosse stata fatta mezzo secolo fa (il progetto iniziale risale al 1950) avrebbe inciso diversamente sulla qualità della vita valligiana, che ad oggi deve sopportare un carico di 40 mila vetture ogni giorno sulla Sp 345.
 
E invece s’è trasformata nella promessa di un’illusione da passare come testimone ai giovani di domani. Perché tale promessa non diventi fatto ma possa trasformarsi nella remota possibilità di vedere in futuro l’autostrada, nell’audizione convocata congiuntamente tra le commissioni provinciali al Bilancio e ai Lavori pubblici, l’assessore alla Viabilità Maria Teresa Vivaldini ha fissato con i dirigenti Anas il programma dei lavori per dare avvio a un’opera che gode già di un progetto esecutivo e di un finanziamento sul primo lotto (Concesio-Sarezzo).
 
Tutto rimane per ora allo stato della ‘verifica’ come ad esempio per la Via (Valutazione d’impatto ambientale) sulla cui validità ora sorgono dei dubbi; è il progetto esecutivo o definitivo che deve riottenere il via libera dal Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica); la vecchia gara va annullata?
 
Un’opera bloccata l’ultima volta un anno fa dal Consiglio di Stato, che accolse il ricorso di alcuni proprietari delle aree da espropriare: infatti, allora l’Anas fece scadere il termine quinquennale dalla dichiarazione di pubblica utilità, portando così la questione dell’autostrada di Valtrompia su un binario morto.
 
La Provincia attende un incontro con i dirigenti Anas entro fine luglio (diversamente adirà le vie legali per un risarcimento). La Valtrompia attende di conoscere il destino della propria viabilità. Da sessantadue anni. 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/08/2012 10:00:00
Uno spiraglio estivo per l'autostrada di Valle L'assessore provinciale ai Lavori pubblici Maria Teresa Vivaldini ha incontrato a Roma i vertici Anas e posto loro la fine di agosto come scadenza per prendere una decisione in merito all'importante opera viaria triumplina

08/06/2013 10:48:00
Un passo (forse) decisivo per l'autostrada della Valtrompia Martedì 11 giugno l'incontro tra Serenissima e Anas, che in caso di esito positivo sbloccherebbe i 18 milioni di euro per gli accordi bonari già firmati e gli altri 245 milioni di euro necessari alla costruzione di un primo lotto da Concesio a Sarezzo

24/10/2013 10:30:00
Anas si muove per l'autostrada di Valle In questi giorni i tecnici di Anas si stanno muovendo tra Villa Carcina e Concesio per rinegoziare gli accordi bonari con circa 250 privati per l'esproprio ai fini di pubblica utilità dei loro terreni

16/06/2012 08:30:00
Opere provinciali anche per la Valtrompia Presentato da Maria Teresa Vivaldini, Assessore ai Lavori Pubblici della Provincia, il piano delle opere pubbliche del prossimo triennio comprende interventi anche nella Valle del Mella

28/06/2014 09:20:00
Un altro stop per l'autostrada della Valtrompia A metà luglio ci sarà un incontro tra Provincia, Anas e Ministero dei Trasporti e delle Infrasrutture, per capire come mai quest'ultimo non abbia ancora approvato il piano finanziario 



Notizie da Valtrompia
23/05/2020

Multinazionali estere a Brescia

L’analisi, realizzata dall’Ufficio Studi e Ricerche Aib, ha riguardato le realtà manifatturiere, società di capitali, con fatturato superiore a 1 milione di euro, comprendendo partecipazioni di controllo e minoritarie (ma sopra il 25%). In provincia sono 103 le imprese locali a partecipazione estera, con un volume d’affari di 3,6 miliardi di euro

18/05/2020

Fase 2 bis in pillole

Da questo lunedì 18 maggio riprendono in tutta Italia gran parte delle attività commerciali aperte al pubblico. In Lombardia permangono alcune restrizioni. Tornano anche le messe coi fedeli.

17/05/2020

«Uno sguardo sul territorio»

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo lunedì sera in diretta su Youtube

12/05/2020

Ritornano le messe con i fedeli

A partire da lunedì 18 maggio sono di nuovo ammesse le celebrazioni con la presenza dei fedeli, rispettando le indicazioni del Protocollo firmato fra Governo e Cei. Ulteriori indicazioni dalla diocesi

12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

09/05/2020

Pasini: «Covid-19 e infortunio sul lavoro: una norma gravissima e anti-impresa»

La legislazione di emergenza epidemiologica da Covid-19 contiene una norma (art. 42, d.l. 18/2020) che equipara l’infezione da Coronavirus ad infortunio, se contratta in occasione di lavoro

09/05/2020

Ok a manutenzione e cura dei capanni da caccia

Una nota della Prefettura di Brescia conferma che fra le attività consentite nella Fase 2 rientrano anche quelle di pulizia delle aree degli appostamenti da caccia

09/05/2020

Sì agli sport individuali

La nuova ordinanza di Regione Lombardia consente fino al 17 maggio di praticare gli sport individuali all'aperto e all’interno di centri sportivi

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

04/05/2020

Fase 2 in pillole

Cosa cambia da questo lunedì 4 fino a domenica 17 maggio? Fra Dpcm e ordinanze di Regione Lombardia ecco un piccolo sunto delle disposizioni

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier