Skin ADV
Venerdì 10 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



29 Agosto 2019, 07.51

Equilibrio

Come prendersi cura delle ginocchia

di red.
C’è il gomito del tennista ma anche il ginocchio del corridore. Gli anglosassoni lo chiamano “runner’s knee”, una tra le condizioni dolorose più frequenti in chi pratica abitualmente jogging

Il dolore può essere acuto o sordo, il ginocchio si può gonfiare o meno, si può sentir male sotto o intorno la rotula. Ma al ginocchio del corridore si può porre rimedio e soprattutto si può provare a prevenirlo.
Un’avvertenza per coloro che con la bella stagione sono soliti scendere in pista per dedicarsi al jogging.

La corsa fa bene o male alle ginocchia?
L’abbiamo chiesto al dottor Piero Volpi, responsabile di Ortopedia del ginocchio e traumatologia dello sport dell’ospedale Humanitas.
«Se praticata con criterio la corsa è un ottimo tipo di esercizio fisico che può far bene a tutto l’organismo, articolazioni comprese. Ma essendo un’attività fisica d’impatto, a determinate condizioni, anche il semplice jogging può far male alle ginocchia».

Un primo fattore di cui tener conto è naturalmente l’età: «Fino ai 40 anni la corsa è praticabile senza eccessivi rischi.
È uno sport che si può praticare a livello amatoriale con facilità: basta avere del tempo libero e un luogo in cui correre, non c’è bisogno di strutture attrezzate o di particolari strumenti».

Cosa consigliare a chi vuole mettersi “in corsa” per prevenire dolori articolari al ginocchio?
«Tutto ciò che accresce l’impatto tipico della corsa diventa un possibile fattore di rischio per le ginocchia. Per questo è fondamentale scegliere le scarpe giuste, che siano confortevoli; altrettanto importante è il terreno su cui si correre. L’asfalto o il cemento non sono l’ideale perché non danno ammortizzazione a differenza di terreni più morbidi, che sono quindi da preferire».

Infine il peso corporeo: «Il rischio di provare dolore al ginocchio sale se il corridore è in sovrappeso: il carico e l’impatto che le articolazioni come ginocchio e anche, ma anche la colonna vertebrale, subiscono è più rilevante», sottolinea lo specialista.

Da non sottovalutare il riscaldamento: «Riscaldare i muscoli che sostengono il ginocchio può far bene per la prevenzione del dolore al ginocchio, ma la chiave è sempre di tipo meccanico. Comunque un po’ di riscaldamento mirato agli arti inferiori prima di correre può aiutare i runner».

Il National Health System inglese consiglia alcuni esercizi, ad esempio piegamenti sulle ginocchia spalle al muro con le gambe leggermente divaricate; contrazioni dei muscoli delle cosce alzando una gamba alla volta seduti su una sedia (15 secondi per ciascuna gamba); squat e affondi.

Cosa fare se si avverte dolore alle ginocchia?
«Il dolore è una spia di qualcosa che non va. La prima cosa è fermarsi immediatamente e rivolgersi a uno specialista. Dopo gli esami, e gli eventuali trattamenti, si potranno indossare nuovamente le scarpe da corsa anche se l’indicazione sarà probabilmente quella di praticare jogging in maniera più blanda».

L’età, si diceva. Se per gli adolescenti la corsa è un buon modo per far movimento – «anche se l’ideale sarebbe associarla a un altro tipo di attività fisica aerobica come il nuoto per avere uno sviluppo più armonioso del corpo, senza dimenticare gli arti inferiori», aggiunge il dottor Volpi – superati i 40 anni la corsa comincia a essere controindicata.

Lo conferma il dottor Enrico Arnaldi, responsabile di Ortopedia Artroscopica e Ricostruttiva del Ginocchio di Humanitas: «La corsa con l’avanzare dell’età non è la forma di attività fisica migliore. Il ginocchio comincia a subire uno stress biomeccanico maggiore soprattutto se le condizioni fisiche della persona non sono ottimali.
L’essere sovrappeso o l’essere fuori allenamento sono ulteriori fattori di stress per le ginocchia di una persona di mezza età, così come avere le ginocchia in uno stato non ottimale».

Cosa rischiano le ginocchia a questa età se si pratica la corsa?
«Crisi dolorose e scompensi di tipo biomeccanico che saranno più acuti se il menisco sarà già deteriorato o le cartilagini usurate. In questo caso – risponde il dottor Arnaldi – il sovraccarico sull’osso sarà maggiore e potrà innescare un processo artrosico degenerativo».

Per salvaguardare la qualità delle ossa, e dunque prevenire l’osteoporosi, la corsa può andar bene ma fino a una certa età: «Correre quando si è più giovani è sicuramente una buona strategia preventiva per l’osteoporosi, anche se non è l’unica. Il “cambio di passo” deve avvenire più avanti con gli anni: superati i 45 anni meglio appendere le scarpe da corsa al chiodo e indossare comode calzature da trekking o semplici scarpe da ginnastica per fare delle passeggiate, oppure salire in bici e pedalare.
Così si farà esercizio fisico di tipo aerobico salvaguardando allo stesso tempo la salute dell’apparato scheletrico, ginocchia comprese», conclude il dottor Arnaldi. (Humanitasalute)

fonte: riabilimed.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/06/2013 10:30:00
Villa Carcina: sgomento per la tragedia sul Garda Il paese è in cordoglio per la tragica scomparsa del 20enne ivoriano Abudraman Coulibaly, residente da poco più di un anno a Villa Carcina, alla continua ricerca di un impiego e ieri inghiottito dalle acque del lago a Salò

11/04/2013 15:05:00
Da Salò spacciava marijuana anche in Valle E' stato arrestato il 41enne operaio che nella sua abitazione in riva al Benaco nascondeva 1,5 kg di marijuana già suddivisa in bustine per il mercato tra Garda, Valtrompia e Valsabbia. Forti sospetti che nelle stesse aree coltivasse anche piantagioni dello stupefacente

20/06/2013 10:36:00
Annega a Salò un 20enne di Villa Carcina Ieri verso le 18.30 Aboudraman Coulibaly si trovava con il padre e i fratelli sul lago di Garda, quando d'improvviso è scomparso. Dopo un'ora e mezza di ricerche il corpo senza vita è stato ritrovato a 30 metri di profondità

17/10/2014 18:00:00
Ciclismo nella Bassa e podismo sul lago di Garda Domenica a Verolaveccchia è il turno della 100 Minuti in MTB aperta a tutti gli Enti della Consulta Ciclismo. A Puegnago del Garda la corsa podistica Camminata tra i Castagni

30/03/2015 07:37:00
Quella settimana corta Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico





Notizie da Salute
01/07/2020

Mascherina ancora per due settimane

In Lombardia obbligo di mascherina fino al 14 luglio. Dal 10 luglio via libera a calcetto e discoteche. Fontana: “Fa caldo ma parere dei virologi è mantenere precauzioni”

05/06/2020

Tamponi gratis per tutti

E’ quello che hanno chiesto 65 sindaci bresciani scrivendo a Fontana e Gallera. Al massimo il pagamento del tiket. Quattro i firmatari valtrumplini

28/05/2020

VirtualAvis fra Caino e Nave

Anche il volontariato chiama in causa il digitale per fronteggiare il problema degli assembramenti ai tradizionali eventi formativi e informativi. Questo venerdì sera è il turno dell’Avis

18/05/2020

Fase 2 bis in pillole

Da questo lunedì 18 maggio riprendono in tutta Italia gran parte delle attività commerciali aperte al pubblico. In Lombardia permangono alcune restrizioni. Tornano anche le messe coi fedeli.

17/05/2020

«Uno sguardo sul territorio»

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo lunedì sera in diretta su Youtube

09/05/2020

Sì agli sport individuali

La nuova ordinanza di Regione Lombardia consente fino al 17 maggio di praticare gli sport individuali all'aperto e all’interno di centri sportivi

04/05/2020

Fase 2 in pillole

Cosa cambia da questo lunedì 4 fino a domenica 17 maggio? Fra Dpcm e ordinanze di Regione Lombardia ecco un piccolo sunto delle disposizioni

01/05/2020

«Se vai dai nonni», da Regione decalogo per visita agli anziani

A partire da lunedì 4 maggio si potranno effettuare visite ai parenti. Per quanto riguardo la visita ai propri nonni, Regione Lombardia ha pubblicato una sorta di decalogo perchè avvengano in sicurezza

22/04/2020

Tamponi e test sierologici mirati

Le indagini per determinare la positività al coronavirus o la presenza degli anticorpi per contrastarlo sono riservate, in questa fase iniziale, ad alcune categorie lavorative, con l'obiettivo di estenderle progressivamente a tutta la popolazione


22/04/2020

Militari russi per disinfettare le Rsa

Già intervenuti nelle Case di riposo del bergamasco, i militari giunti da Mosca lavoreranno ora a Brescia per oltre un mese, supportati dall'Esercito e dagli Alpini dell'Ana


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier