Skin ADV
Mercoledì 13 Dicembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






15 Febbraio 2015, 13.16

Lettere

Doppia violazione a Tindouf

di Sara Baresi
Ci scrive Sara Baresi, presidente di Protea, associazione che si occupa di diritti umani e che ci segnala delle incongruenze in merito all'utilizzo degli aiuti umanitari destinati al popolo saharawi, argomento che abbiamo qui più volte trattato

Da un rapporto reso pubblico  dal Parlamento Europeo alla fine di gennaio 2015 e depositato dall’Ufficio Europeo Anti-frode (OLAF) emerge un' inquietante situazione di deviazioni sistematiche e organizzate degli aiuti umanitari destinati ai bisognosi abitanti dei campi di Tindouf.

L'UE ha rivolto il sostegno finanziario a partire dal 1975 e secondo la relazione dell'OLAF, le donazioni da parte del  "Dipartimento Aiuti Umanitari" della Commissione europea (ECHO) negli anni tra il 1994 e il 2004 corrispondono a € 105.000.000, sulla base di una forte popolazione di 155.000, secondo le stime delle autorità algerine.

Le indagini dell'OLAF hanno permesso di raccogliere numerose testimonianze tra il 2003 e il 2006 affermando che le deviazioni degli aiuti sono state gestite da e a beneficio di alcuni dirigenti del Polisario che sono stati spesso citati da vari intervistati.
Il numero di deviazioni segnalate, le diverse testimonianze per quanto riguarda le persone che hanno beneficiato delle frodi, il modus operandi utilizzato e la durata delle deviazioni "non lasciano dubbi sul fatto che le manovre fraudolente organizzate hanno avuto luogo nel corso di un lungo periodo", dice il relazione che cita anche l'esistenza di "depositi segreti."

ECHO ha scoperto che molti suoi prodotti destinati alla popolazione che si trova in stato di indigenza, venivano venduti nei mercati di Bechar in Algeria, che si trova a 800 km da Tindouf, così come a Nouakchott, Chingetti e Nema, tre città della Mauritania.
Tra la fine del 2001 e l'aprile del 2003, squadre di ECHO hanno scoperto diverse tonnellate di prodotti venduti in dodici punti diversi di smercio.

Il rapporto ha confermato inoltre che apparecchiature mediche donate sono state altresi vendute insieme a pezzi di ricambio per serbatoi di acqua che venivano ordinati più volte nello stesso anno e rivenduti altrove.
Il rapporto ha anche accusato i leader del Polisario di "presentare fatture false e sopravvalutato progetti virtuali di ONG donatrici".
Sono stati creati inoltre dei negozi di vendita degli aiuti umanitari, che la popolazione è stata costretta a comprare, quando dall'Europa e da molte Ong erano inviati gratuitamente.

Secondo il rapporto Olaf le deviazioni cominciavano dal porto di Oran dove venivano smistati gli aiuti da inviare e quelli da orientare altrove.
Esso afferma inoltre che né l'Algeria, né il Fronte Polisario hanno mai accettato di censire la popolazione commettendo quindi una sovrastima del numero degli abitanti al fine di ottenere sempre più aiuti.

Gli organizzatori poi hanno giustificato delle spese di lavoratori locali con stipendi per la costruzione di servizi utili sempre alla popolazione, che in verità vengono messi a punto da prigionieri di guerra o civili, che operano senza alcuna retribuzione.

Gli alimenti poi di buona qualità venivano orientati alla vendita e sostituiti con quelli scadenti da donare alla popolazione.
I membri delle ONG che desiderano poi verificare gli aiuti e fare visita ai campi necessitano di un'autorizzazione preventiva per ogni visita per tempo.
Tutte le condizioni sopraccitate hanno permesso la maxi frode.

Come presidente di un'associazione di tutela dei diritti umani e come cittadina italiana ed europea manifesto il mio rammarico per tale situazione fraudolenta.
L'Europa ed i Paesi appartenenti ad essa  vivono da qualche anno infatti una profonda crisi economica che ha portato i cittadini in condizioni di disoccupazione, di indigenza, di grande bisogno.

Tale situazione mette in luce una doppia violazione dei diritti umani, quelli dei cittadini europei contribuenti o benefattori di ONG che vivono in stato di sofferenza economica e quella degli abitanti dei campi di Tindouf, i quali, a causa di persone manipolatorie e truffaldine, non hanno mai ricevuto gli aiuto che tante persone generose avevano a loro desitinato.

Mi domando perchè tale grave situazione scoperta nel 2007,nel pieno della crisi economica in Europa non sia mai stata resa pubblica prima dello scorso gennaio e soprattutto perchè non siano stati interrotti gli aiuti in questi anni che hanno corrisposto a 10.000.000 di euro per anno.

La Presidente
Sara Baresi

LINK INTERNAZIONALI DI RIFERIMENTO
http://thehill.com/blogs/congress-blog/foreign-policy/231948-on-tindouf-camp-abuses-enough-is-enough
http://www.lemonde.fr/afrique/article/2015/01/23/bruxelles-accuse-alger-de-detournements-d-aide-humanitaire_4562455_3212.html
http://leadership-council.org/?p=739
http://fr.slideshare.net/434HT121PPOL/jk45as912ws rapporto

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/08/2013 11:00:00
Il sostegno di Caino ai bambini Saharawi Fino al 30 agosto saranno ospiti nella Valle del Garza i 14 bambini (dai 6 ai 14 anni) del popolo Saharawi composto da 150 mila musulmani costretti ad abitare nel campo profughi algerino dal 1975. Bambini accolti per il periodo estivo in Italia grazie a Rio de Oro Gavardo

21/07/2014 08:45:00
A Concesio 'Solo per farti sapere che sono viva' Appuntamento questo martedì a Concesio per un dibattito sulla violenza subita dalle donne saharawi e l'impatto della guerra sulle loro vite

17/11/2013 10:30:00
Truffa telefonica in Val Garza Alcuni malviventi cercavano di estorcere denaro richiedendo telefonicamente dei contributi per il fittizio acquisto di un pulmino per i Servizi sociali del Comune di Nave

26/01/2014 10:48:00
Una subdola truffa telefonica serpeggia in Valgobbia Anche a Lumezzane in questi giorni stanno girando delle lettere che si riferiscono al presunto urgente ritiro di un pacco per il quale telefonare a un numero con prefisso di Milano: in realtà componendo il numero il credito del cellulare viene azzerato e

13/09/2013 10:30:00
Nave: fermato un 25enne di Desenzano per tentata truffa Mercoledì pomeriggio in via Montedragone i carabinieri hanno denunciato un 25enne gardesano per una tentata truffa su un dispositivo del gas che il giovane stava tentando di vendere a un'anziana signora di 82 anni



Notizie da Lettere al direttore
19/06/2015

Giorinox e il concordato

Ci scrive Alessandro Franzini, affermando di una "manovra" della storica azienda, per levarsi da parecchi guai che la stanno assillando, con la complicità di una legge che "non sarebbe proprio uguale per tutti". Pubblicheremo volentieri eventuali posizioni diverse


24/05/2015

Quanto è importante lo screening

Caro direttore, alcuni giorni fa mi sono recato presso gli Spedali Civili di Brescia per effettuare il periodico controllo semestrale (follow-up in termine medico) che eseguo dal 2011 anno in cui mi operarono per un tumore al retto...

17/04/2015

Animalista o ecoterrorista?

Da un paio d’anni a questa parte stiamo assistendo ad un fenomeno piuttosto preoccupante, destinato a segnare una profonda spaccatura tra il mondo delle “città” e il mondo della “campagna”

30/03/2015

Quella settimana corta

Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico



06/03/2015

Anonimi? Basta!

Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

21/02/2015

«Serve l'arbitrato internazionale»

Un lettore di Bovezzo di invia questa "lettera aperta al Presidente della Repubblica" in nome del Movimento Famiglie Italiane, in merito alla vicenda dei due marò fatti prigionieri in India


06/01/2015

Pino Daniele, tra Napoli e il Blues

Caro direttore, data la sua scomparsa, ho sentito il bisogno di scrivere queste righe su Pino Daniele, musicista che ho amato senza mezze misure. Me le pubblica?


07/10/2014

Quale «onore» per un prestito?

Il "Prestito d'onore", come ci segnala questo lettore, proposta per incentivare l'iniziativa privata, ha prestato il fianco a persone che senza troppi scrupoli ne hanno e ne stanno ancora approfittando


07/09/2014

Attenti a quei rimborsi

Una lettrice ci informa che le modalità per chiedere il rimborso della tariffa di depurazione non dovuta in alcuni casi sono poco chiare


28/08/2014

Il barometro di Bongi

Esimio signor direttore, durante una delle mie escursioni nella ridente plaga del Savallo, mi sono imbattuto nel minuscolo laghetto di Bongi - Comune di Mura -, invaso artificiale che alimenta una sottostante centrale elettrica

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier