Skin ADV
Venerdì 10 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


25 Giugno 2014, 09.00

Quaderni di Cinema

«La città incantata» al cinema per tre giorni

di Nicola ‘nimi’ Cargnoni
Da mercoledì 25 a venerdì 27 arriva nei cinema il capolavoro di animazione del regista giapponese Hayao Miyazaki

Continua l’operazione di recupero dei film di Miyazaki; dopo «La Principessa Mononoke», proiettato nelle sale durante la Festa del Cinema dall’8 al 15 maggio, è il momento del bellissimo «La città incantata».

Realizzato nel 2001 e vincitore dell’Orso d’oro al festival di Berlino (oltre che dell’Oscar al miglior film di animazione), è con tutta probabilità il capolavoro massimo della filmografia di Miyazaki.
Oltre a essere il creatore di alcune delle serie tra le più amate (ricordiamo i cartoni animati «Lupin III»), il regista giapponese ha sceneggiato e diretto molti lungometraggi di animazione tra cui spiccano titoli come «Il castello errante di Howl», «Porco rosso», «Il mio vicino Totoro».

Non bisogna lasciarsi ingannare dalla natura della sua cinematografia, perché all’animazione non equivale per forza un pubblico specifico o con un’età definita; Miyazaki utilizza il cinema d’animazione per mettere in campo, comunque, soggetti e tematiche degni del miglior cinema d’autore.
Nei suoi lavori emergono elementi visionari, misti a una poesia di fondo, che li rendono così drammaticamente vicini all’esperienza di vita di chiunque si affacci sui suoi personaggi; l’intreccio tra bene e male, la delicatezza con cui utilizza i personaggi femminili, gli scenari, i valori universali che caratterizzano le sue trame e tematiche come natura e pacifismo sono tutti elementi portanti della sua poetica e della sua cinematografia, tanto da valergli il soprannome di “Kurosawa dell’animazione”.

Cinema d’animazione per adulti, quindi.
Un modo per mettere su schermo storie fantastiche, delicate e sognanti, ma sullo sfondo di esperienze di vita e di sentimenti condivisi da tutti.
Nessuna recensione sulla Città incantata, ma una sola raccomandazione: fate in modo di vederlo, al cinema o a casa.
È uno dei capolavori della storia del cinema, non ha nulla da invidiare a titoli del cinema classico.

Nicola ‘nimi’ Cargnoni

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/09/2014 06:33:00
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/09/2014 07:45:00
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


27/02/2014 09:32:00
Molière in bicicletta: il teatro al cinema Una deliziosa commedia francese che si risolve in un congegnato meccanismo ben riuscito

17/04/2015 08:49:00
Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

07/11/2014 07:25:00
La principessa che splendeva per tre giorni al cinema Dopo 11 anni, il regista di animazione Isao Takahata torna nei cinema con «La storia della principessa splendente»



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier