Skin ADV
Venerdì 10 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


07 Novembre 2014, 07.25

Quaderni di Cinema

La principessa che splendeva per tre giorni al cinema

di Nicola Nimi Cargnoni
Dopo 11 anni, il regista di animazione Isao Takahata torna nei cinema con «La storia della principessa splendente»

Valutazione: ****.
Partendo da un’antichissima fiaba giapponese, risalente al X secolo, Takahata realizza un adattamento destinato a entrare nel cuore di chiunque si approcci a esso.

Kaguya è una creatura che viene esiliata dalla Luna e quindi scende sulla Terra; viene trovata da un artigiano che si procura il bambù per poterlo lavorare. Un giorno trova Kaguya, sotto le sembianze di una minuscola principessa, custodita in un germoglio di bambù.
Decide di portarla a casa, dove la creatura si trasforma in una neonata che cresce letteralmente a vista d’occhio. Il tagliatore di bambù e la moglie decidono di donare tutto il loro amore verso questa creatura, crescendola tra la natura e lasciando che la bambina vada a giocare con gli altri ragazzini del villaggio vicino.

L’ambientazione naturale, in un’atmosfera sospesa tra il neorealismo e il favolistico, è uno dei temi cari allo Studio Ghibli, la storica casa di produzione resa famosa dalle animazioni di Miyazaki.
Lo spettatore è messo a proprio agio, assistendo a un incanto che è vissuto dai protagonisti in maniera del tutto normale, come fosse usuale: lo spirito di Kaguya non può che attirare simpatia e, quindi, anche empatia.

Fino a quando il padre decide di trasferirsi nella grande capitale, inserendosi nell’ambiente urbano e sociale della città.
Kaguya si adatta al nuovo stile di vita, facendo emergere un forte amore nei confronti del padre e aderendo a uno stile di vita del quale segue i codici comportamentali, ma del quale rifiuta la natura.

Senza svelare ulteriormente la trama, si può benissimo affermare che questa creatura, che dalla Luna viene catapultata sulla Terra, si trova a vivere tutti i riti di passaggio della crescita, fino a una sostanziale infelicità che trova terreno fertile sul sentimento di amore/odio che la “Principessa Splendente” nutre nei confronti degli uomini.

La scelta a cui la principessa sarà messa di fronte non è facile e nemmeno risolutiva, ma in pieno “stile Ghibli” lascia che lo spettatore si trovi sorpreso a dover asciugare una lacrima quando, all’improvviso, si riaccendono le luci della sala, dopo un finale che lascia spunti di riflessione e commozione, in un irrisolto conflitto tra la poesia e l’azione.

Con un disegno quasi fumettistico, la fiaba di Takahata è infatti intrisa di poesia, dimostrando ancora una volta come si possa fare grande cinema usando il linguaggio dell’animazione; in questo caso un’animazione scevra da ogni trovata digitale, con un tratteggio simile al carboncino e colori realizzati con acquerello, segno di una a-temporalità sottolineata anche dall’uso di un linguaggio arcaico (anche nel doppiaggio); con immagini dai contorni non sempre precisi, il film è anche una porta sui sentimenti di Kaguya, una figura splendida, un personaggio dalle mille sfaccettature e che concede allo spettatore moltissimi spunti di riflessioni etiche, morali e filosofiche.

Non si sa quale possa essere il destino dello studio Ghibli (il cui nome, per altro, deriva da un aeroplano della Regia aeronautica italiana).
Il ritiro di Miyazaki e l’età avanzata di Takahata hanno mosso voci di una prossima chiusura; ma anche quest’ultima, splendida fiaba fa sperare che ci sia qualcuno pronto a raccogliere l’eredità lasciata dai grandi maestri dell’animazione giapponese, per portare avanti una tradizione capace, ancora,  di far sognare e commuovere le generazioni di ieri e di domani.

In uscita questa settimana (da segnalare): Torneranno i prati, Sils Maria.

Già nelle sale (da segnalare): La spia, La danza della realtà, Last summer, Pelo malo, Boyhood, Il sale della terra, The judge, Buoni a nulla, Io sto con la sposa, Winter sleep, Class enemy, Amoreodio, Joe, Il giovane favoloso, Piccole crepe grossi guai.

Nicola Nimi Cargnoni

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/09/2014 07:45:00
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


25/06/2014 09:00:00
«La città incantata» al cinema per tre giorni Da mercoledì 25 a venerdì 27 arriva nei cinema il capolavoro di animazione del regista giapponese Hayao Miyazaki

17/09/2014 06:33:00
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

27/02/2014 09:32:00
Molière in bicicletta: il teatro al cinema Una deliziosa commedia francese che si risolve in un congegnato meccanismo ben riuscito

17/04/2015 08:49:00
Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier