Skin ADV
Lunedì 03 Agosto 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



09 Maggio 2015, 09.42
Caino Nave Valtrompia
Stefana

Fim denuncia: «persi mesi preziosi»

di Redazione
«Scelte clamorosamente sbagliate da parte della Fiom - che è sindacato maggioritario in azienda - hanno impedito che si concretizzasse un piano di rilancio industriale potenzialmente in grado di salvaguardare a pieno l’occupazione»

La Fim Cisl ha riunito ieri nella sede provinciale i propri iscritti tra i lavoratori dei quattro stabilimenti del gruppo siderurgico (due a Nave, uno a Montirone ed un altro ad Ospitaletto) che dallo scorso dicembre ha fermato la produzione per una grave crisi di gestione aziendale che ha portato alla presentazione in Tribunale della ammissione al concordato preventivo.

L’assemblea è servita a condividere le valutazioni in merito al piano concordatario proposto dall’azienda e consegnato al giudice l’ultimo giorno utile per evitare il precipitare della situazione.

All’assemblea, oltre a Daniela Pedrali della Segreteria provinciale dei metalmeccanici Cisl e agli operatori Luca Aquino e Roberto Farina, è intervenuto Sandro Pasotti, già segretario generale della Fim bresciana e oggi impegnato nella Segreteria nazionale della categoria come coordinatore nazionale della siderurgia.

Proprio dalla sua esperienza nella gestione e soluzione positiva di situazioni analoghe a quelle della Stefana sul territorio nazionale – un esempio per tutti è quello della Lucchini di Piombino – Pasotti ha evidenziato come la scelta sostenuta dalla Fiom, che è sindacato maggioritario in azienda, di non coinvolgere le istituzioni, in particolare il Ministero dello Sviluppo, è stata clamorosamente sbagliata.

«Fin fa gennaio, invece, la Fim avrebbe formalmente fatto richiesta di attivazione del tavolo di crisi a tutte le istituzioni. Le conseguenze degli errori della Fiom – che i metalmeccanici Cgil nascondono con un’offensiva mediatica emozionale che evita accuratamente di entrare nel merito dei problemi – sono oggi evidenti.
Lasciare alla sola capacità e volontà della Stefana la ricerca di interessi sul territorio, ha fatto perdere ai lavoratori mesi preziosi senza che si concretizzasse un piano di rilancio industriale potenzialmente in grado di salvaguardare a pieno l’occupazione».

«Per quanto ci riguarda – ha detto in assemblea Daniela Pedrali – e ferme restando le valutazioni di competenza del giudice sulla ammissibilità del piano e sulla sua capacità di rispondere alle legittime aspettative dei creditori, sul futuro dei lavoratori rimangono purtroppo attuali le perplessità che sin dai primi giorni di gennaio avevamo evidenziato in merito, relative alla capacità della proprietà di mettere in campo una strategia di uscita dalla crisi senza il supporto di capitali e strategie esterni.
Proprio per questo rimane attuale la nostra proposta di attivazione del tavolo di crisi al Ministero, auspicando una convocazione in tempi brevissimi di tutti i soggetti interessati».


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/01/2015 12:00:00
Stefana, l'azienda incontra i sindacati Intanto a partire da questo lunedì mattina in via Bologna a Nave i lavoratori riprenderanno il presidio. Attesa per le decisioni del Tribunale

07/01/2015 07:59:00
Oltre la canna del gas Acque ancora agitate per il Gruppo Stefana, dove settecento i dipendenti aspettano risposte, dopo che sono scaduti i contratti di solidarietà per 200 lavoratori del laminatoio di via Brescia e dell’acciaieria di Montirone

11/11/2014 07:00:00
Blocco operaio lungo la 237 del Caffaro Nel tardo pomeriggio di ieri e per un paio d'ore, gli operai della Stefana hanno bloccato la provinciale a Nave, per protestare contro le mancate risposte in merito alla ripresa della produzione


04/03/2015 14:46:00
Stefana, ok alla vendita di 600 tonnellate Il Tribunale di Brescia ha autorizzato la Stefana di Nave a venere un primo lotto di materiale in magazzino. Presentate ai giudici altre richieste

25/01/2015 10:22:00
Lavoratori con gli occhi puntati sulla Stefana Nell’assemblea di sabato convocata dalla Fiom sulla crisi dell’azienda siderurgica di Nave la preoccupazione dei sindacati per i prossimi passi del commissario giudiziale



Notizie da Caino
28/05/2020

VirtualAvis fra Caino e Nave

Anche il volontariato chiama in causa il digitale per fronteggiare il problema degli assembramenti ai tradizionali eventi formativi e informativi. Questo venerdì sera è il turno dell’Avis

17/05/2020

«Uno sguardo sul territorio»

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo lunedì sera in diretta su Youtube

16/05/2020

Tempi duri sulle Coste per i motociclisti indisciplinati

La Provincia ha fatto piazzare ai chilometri 17 e 20 due autovelox. Fra Caino e Odolo non potranno essere superati i 70 chilometri all'ora


15/01/2020

Terremoto fra Agnosine e Caino

Una scossa di magnitudo 2.2 è stata segnalata a 3 km Sud Ovest da Agnosine, quando mancava un minuto alle 16 di oggi, mercoledì 15 gennaio

25/10/2019

Da sperone roccioso a collina erbosa

Prosegue l’opera di sistemazione dello smottamento avvenuto nei giorni scorsi sulla sommità del Colle di Sant’Eusebio

25/06/2015

Auto d'epoca sulle Coste

È in programma nel fine settimana la cronoscalata Nave-Caino-Colle Sant'Eusebio, una rievocazione di una mitica gara automobilistica che rivivrà con auto storiche. Coste chiuse sabato pomeriggio e domenica mattina

15/06/2015

Caino e la Consulta

L'unione fa la forza, anche e soprattutto nel mondo associativo. Così a Caino nasce la Consulta delle Associazioni, per dialogare, fare rete e per un impegno condiviso sul territorio


03/06/2015

La raccolta dei rifiuti

Da giovedì a sabato nella sala civica di Caino sarà possibile visitare una mostra per conoscere i vari sistemi di raccolta dei rifiuti e chiedere chiarimenti agli amministratori comunali

01/06/2015

Sulle tracce della Grande Guerra

L'occasione viene offerta dall'assessorato alla Cultura di Caino in collaborazione con la coop Zeroventi e Gardacanyon: escursione sul monte Cas a Tignale, questo sabato 6 giugno


28/04/2015

Si decide sulla Val Bertone

C'è anche l'approvazione di un nuovo regolamento per l'utilizzo della strada che porta nella Valle di Bertone, fra gli argomenti all'ordine del giorno del Consiglio comunale atteso per questo mercoledì sera a Caino


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier