Skin ADV
Giovedì 26 Novembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


27 Febbraio 2014, 09.32

Quaderni di Cinema

Molière in bicicletta: il teatro al cinema

di Nicola Cargnoni
Una deliziosa commedia francese che si risolve in un congegnato meccanismo ben riuscito

Gauthier è un attore affermato, famoso e protagonista di una fiction popolare francese, e si reca all’Île de Ré a trovare il vecchio amico e collega Serge (interpretato dal sempre brillante Fabrice Luchini).
Quest’ultimo ha da tempo abbandonato l’attività attoriale e si trova in ‘ritiro’ su una piccola isola affacciata sull’oceano Atlantico.

L’idea di Gauthier è quella di portare a teatro l’ «Alceste» (il Misantropo) di Molière e di convincere l’amico a prendere parte al progetto.
Serge ha bisogno di elaborare la decisione, quindi nel frattempo i due protagonisti trascorrono un’intera settimana provando i versi della commedia, alternandosi nei ruoli di Alceste e Filinto, mentre Serge continua a tergiversare sulla decisione di collaborare con l’amico.

Tra i due si insinua Francesca, un’italiana (interpretata da Maya Sansa) che vive sull’isola e sta passando un momento sentimentalmente difficile e confuso.

Il film è totalmente ambientato sull’Île de Ré, in un buon equilibrio tra ambienti esterni ed interni.
I due amici recitano Molière in maniera appassionata, accorata, dividendosi tra le polverose stanze della vecchia (e fatiscente) casa di Serge e lunghe gite in bicicletta sull’isola.

È una commedia divertente, brillante, delicata, che non dà troppo spazio a sentimentalismi e smancerie, ma che si sofferma sul bisogno di dare vita al teatro di Molière partendo da una delle sue opere più complicate.

La grande intuizione del regista De Guay è di intrecciare la commedia di Molière con la vita eremitica condotta da Serge.
In effetti l’attore in ritiro è nel contempo una persona ormai disillusa e disincantata, estremamente sincera, che ha da tempo preso le distanze dall’ipocrisia mondana e da qualsiasi situazione che possa dare una sferzata alla sua vita.
Lontano dagli amici, dall’amore, si è isolato in una grande casa, su un’isola poco abitata, rifiutando quei compromessi a cui invece Gauthier si è adattato bene.

È, a suo modo, un ‘perdente’, o forse è meglio definirlo un ‘non partecipante’, in pieno sentimento misantropico.
La cinepresa non lo coglie mai con più di una o due persone alla volta: l’unica scena in cui Serge appare con più persone, è vestito in maniera stravagante e arcaica, in piena sintonia con Alceste.

A fargli da contraltare c’è Gauthier, brillante, simpatico, affascinante e a suo modo vincente, ma che mancherà il momento decisivo (non preoccupatevi, nessuna anticipazione, occorre vedere il film per capire questo punto).

Rientra nel filone dei (purtroppo pochi) film sul teatro, non limitandosi a ‘mettere in scena’ la commedia, ma concentrandosi sulle prove dei due amici, sulla ripetitività, sul perfezionamento dell’impianto scenico, sul metodo di recitazione, sulla pronuncia dei versi alessandrini.
È il teatro, visto come inganno e ingannevole, come conflitto tra gli attori e le loro ipocrisie, le loro fragilità: è in questo senso che si inserisce l’ambiguità di Francesca.

Il consiglio è naturalmente di vederlo, possibilmente in lingua originale, perché le parti in cui Gauthier e Serge provano l’Alceste sono le più corpose e anche le più interessanti.

Valutazione ***½ .

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/09/2014 06:33
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/09/2014 07:45
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


25/06/2014 09:00
«La città incantata» al cinema per tre giorni Da mercoledì 25 a venerdì 27 arriva nei cinema il capolavoro di animazione del regista giapponese Hayao Miyazaki

17/04/2015 08:49
Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

07/11/2014 07:25
La principessa che splendeva per tre giorni al cinema Dopo 11 anni, il regista di animazione Isao Takahata torna nei cinema con «La storia della principessa splendente»



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier