Skin ADV
Mercoledì 05 Agosto 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


17 Gennaio 2015, 10.20

Quaderni di Cinema

«Jimmy's Hall» una storia d'amore e libertà

di Nicola 'nimi' Cargnoni
L’instancabile Ken Loach non si ferma più ed è tornato con un nuovo film

Con l’avvicinarsi agli ottant’anni d’età, Loach si fa sempre più attivo sulla scena cinematografica.
Non che fosse un regista parco nel realizzare film, ma negli ultimi otto anni ha realizzato sette film, tra finzioni e documentari.

Probabilmente la molla creativa è scattata grazie alla Palma d’oro conquistata a Cannes nel 2006 con «Il vento che accarezza l’erba», una pellicola in cui Loach si focalizza sull’Irlanda del 1920 e sulla resistenza irlandese a fronte dell’attacco inglese, anche se a interessare maggiormente il regista sono le tensioni che emergono successivamente tra le famiglie filo-britanniche e quelle che si schierano contro.

Lo sfondo della guerra civile in Irlanda
è il terreno in comune con «Jimmy’s Hall» che, è bene dirlo subito, da un punto di vista prettamente cinematografico è un prodotto certamente inferiore a quello del 2006, pur lasciando ampî spazi ai risvolti psicologici dei personaggi e alle emozioni che essi smuovono nello spettatore.

Loach torna dunque in Irlanda, dieci anni dopo la guerra civile. Siamo negli anni Trenta e Jimmy Gralton (attivista irlandese realmente vissuto) torna dagli Stati Uniti per ricongiungersi con la madre e coltivare la terra dopo la morte del fratello.
In loco alcuni giovani lo convincono a riaprire la Hall che lui stesso aveva costruito prima della guerra civile: una balera dove gli abitanti del paese non si ritrovavano soltanto per danzare, ma anche per fare pugilato, per leggere e per seguire corsi di disegno, di canto e di musica.
Gralton si lascia convincere e riapre la Jimmy’s Hall: da quel momento tornano su di lui, dal passato, le stesse ostilità che lo avevano costretto ad allontanarsi.

Dipanandosi sulla lotta tra il potere aggregativo della Hall e i contrasti religiosi/politici degli antagonisti di Gralton, il filo narrativo non vuole soffermarsi soltanto sulle lotte intestine dell’Irlanda di quegli anni; lo sguardo di Ken Loach gira a 360° attorno al mondo della Hall, mettendone in evidenza la funzione non solo pratica.
Jimmy, le sue amiche, i suoi amici e tutti i ragazzi del paese convergono verso la Hall per il semplice gusto di stare insieme, per poter svolgere attività ricreative e istruttive. Questo desta la preoccupazione dei poteri conservatori, che condannano la Hall come luogo peccaminoso e che favorisce lo scambio di idee sovversive.

Nell’eterno e ciclico scontro tra libertà e repressione
, il film di Loach getta uno sguardo delicato sui rapporti tra Jimmy e i suoi compagni, focalizzandosi sulla libertà che scaturisce dalla semplice condivisione di spazi.
«Jimmy’s Hall» probabilmente non è il migliore film di Loach e non raggiunge le vette scalate da altri suoi lavori, ma si inserisce perfettamente nel filone delle ultime sue opere, tra le quali è bene citare il documentario «The Spirit of ’45» del 2013, che indaga le reazioni e le emozioni del popolo inglese all’indomani del conflitto mondiale.

Loach ama indagare sulla pluralità dei rapporti
che si creano a fronte di situazioni anche difficili e «Jimmy’s Hall» è un film ben lontano dalla cupezza e dal disfattismo a cui potrebbe essere accostato se ci si limita a un semplice riassunto della trama.
Si tratta, invece, di una pellicola viva e vivace, mordace, colorata e musicale, spensierata e anche molto ottimista, perché ne emerge un fondo di speranza che non si lascia soffocare dalle avversioni e dagli eventi contrari.

Loach ha 78 anni, ma riesce ancora a realizzare film con uno sguardo dolcemente ingenuo, sognante e delicato: *** su 5.

Nicola ‘nimi’ Cargnoni

In uscita questa settimana (da segnalare): Hungry hearts, La teoria del tutto.
Già nelle sale (da segnalare): Neve, Pride, Mommy, Melbourne, Viviane, Jimmy’s hall, Gone girl, St. Vincent, American sniper, The imitation game.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/09/2014 06:33
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/09/2014 07:45
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


27/02/2014 09:32
Molière in bicicletta: il teatro al cinema Una deliziosa commedia francese che si risolve in un congegnato meccanismo ben riuscito

25/06/2014 09:00
«La città incantata» al cinema per tre giorni Da mercoledì 25 a venerdì 27 arriva nei cinema il capolavoro di animazione del regista giapponese Hayao Miyazaki

17/04/2015 08:49
Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier