Skin ADV
Domenica 24 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


04 Maggio 2015, 08.13

Quaderni di Cinema

¬ęChild 44¬Ľ: spazio al thriller melodrammatico

di Nicola 'nimi' Cargnoni
Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

La prima operazione compiuta da Daniel Espinosa, regista di ¬ęChild 44¬Ľ, √® stato lo spostamento dei fatti del mostro di Rostov dagli anni Ottanta alla met√† degli anni Cinquanta, nella Russia stalinista e totalitaria.
Ci√≤ non √® una mera alterazione dei fatti storici, ma √® un dislocamento necessario a inquadrare le due tematiche che faranno da trama ad altrettanti plot narrativi: da una parte gli efferati omicidi del mostro e dall’altra il racconto del clima che si respirava durante gli ultimi anni di vita di Stalin.

Protagonista è Leo Demidov, eroe di guerra che ora è uno degli elementi di punta della MGB, la polizia segreta sovietica; quando il figlio di un collega verrà trovato morto nei pressi della ferrovia, Leo sarà spinto a indagare sulle cause della morte, che sul rapporto ufficiale sono imputate a un incidente.
Ma Leo non ci crede, nonostante sappia benissimo a cosa va incontro chi parla di omicidio nella Russia sovietica, dove vige il motto ¬ęNon esistono omicidi in Paradiso¬Ľ.

Si tratta di un film la cui sceneggiatura stravolge abbastanza la trama dell’omonimo romanzo da cui trae spunto, infatti l’incipit ci mostra subito l’ascesa di Leo Demidov da soldato valente a implacabile ufficiale della polizia segreta, ruolo che svolge diligentemente e con metodi ferrei ed efficaci, che gli valgono il rispetto dei colleghi e che creano attorno a lui un’aura di paura e di soggezione, di cui la moglie Raissa √® una silente vittima.

La curiosità di Leo per il ritrovamento di altri cadaveri di bambini lo porterà ad attirare su di sé le attenzioni paranoiche dei dirigenti della MGB. Ciò sarà il viatico per i vari snodi che si succederanno, che vedranno Leo in esilio con la moglie Raissa ed entrambi coinvolti in un percorso di maturazione e di collaborazione.

Gli spunti all’interno di ¬ęChild 44¬Ľ sono numerosi, dal clima di pesantissima oppressione che si respirava nella Russia stalinista fino alla propaganda anti-occidentale che portava addirittura a ritenere l’omicidio come una “degenerazione capitalistica”, passando dalla persecuzione degli omosessuali, dalle tematiche sociali che coinvolgono il problema dei numerosi orfani e dagli effetti delle purghe staliniane.

Degne di nota le interpretazioni di Leo e Raissa, rispettivamente impersonati da Tom Hardy e Noomi Rapace, coadiuvati da un cast ricco di nomi noti (Vincent Cassel, Gary Oldman, Jason Clarke); la fotografia non è da meno, che insieme a una regia tecnicamente priva di errori ottiene un risultato finale soddisfacente, con un film dal ritmo serrato e una suspense crescente.

Poco importa la poca attinenza col romanzo e con i fatti storici che riguardano Andrej Čikatilo, il mostro di Rostov; ci√≤ che conta √® che ¬ęChild 44¬Ľ riesce a unire il thriller dei massacri del mostro con il melodramma di Leo e Raissa, un melodramma atipico nel suo genere e che dipinge due personaggi capaci di mettersi in gioco e di riscoprirsi grazie al determinismo dell’ambiente che li circonda.

Da sottolineare anche i costumi e le scenografie, elementi che danno un valore storico aggiunto a un film che riesce in pieno a far immergere completamente lo spettatore nello stesso clima di terrore di cui √® (stato) vittima un popolo governato dalle bugie, dalla mistificazione e da un sistema che si regge(va) sullo spionaggio e sull’invadenza delle autorit√† nella vita di ogni singolo cittadino. Il passato √® messo tra parentesi, perch√© stiamo parlando della Russia che oggi, nel 2015, ha vietato la distribuzione e la visione di ¬ęChild 44¬Ľ con la motivazione di ¬ęalterazione dei fatti storici¬Ľ.

Valutazione: ***¬Ĺ.

Nicola ‘nimi’ Cargnoni

In uscita giovedì 30 aprile (da segnalare): Child 44, Cobain, Le streghe son tornate.
Già nelle sale (da segnalare): Samba, Roas 47, Short skin, Mia madre, Figlio di nessuno, White God, Wild, Lettere di uno sconosciuto.

Per conoscere la programmazione della provincia:
1.    Andare su http://www.mymovies.it/cinema/brescia/
2.    Appare la lista dei film presenti in città e provincia.
3.    Per ogni film è segnalato il paese o il cinema in cui lo si può trovare.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/05/2015 08:04:00
¬ęForza maggiore¬Ľ e le valanghe che ci travolgono Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben √Ėstlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

17/09/2014 06:33:00
¬ęBelluscone¬Ľ e ¬ęLa zuppa del demonio¬Ľ, l¬íItalia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalit√† che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/06/2015 09:38:00
La guerra infuria al cinema Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

27/02/2014 09:32:00
Molière in bicicletta: il teatro al cinema Una deliziosa commedia francese che si risolve in un congegnato meccanismo ben riuscito

11/09/2014 07:45:00
¬ęL'arte della felicit√†¬Ľ √® l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD




Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il ¬ęLeviathan¬Ľ √® al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

¬ęForza maggiore¬Ľ e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben √Ėstlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non pi√Ļ degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

30/04/2015

¬ęSamba¬Ľ, il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realt√†, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La ¬ęVergine giurata¬Ľ di Laura Bispuri √® l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

30/03/2015

Arrivederci al 2016 per il Bif&st, che continua a crescere

Si √® concluso il Bif&st 2015 che ha registrato circa settantatremila presenze nell’arco di otto giorni. Di seguito il reportage degli ultimi tre giorni, che hanno regalato belle sorprese e tanta affluenza nelle sale


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier