Skin ADV
Venerdì 13 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




20 Gennaio 2014, 09.28

Genitori & Figli

Le 'C' dell'educazione

di Giuseppe Maiolo
Educare è un'arte, ovvero un misto di  operazioni che richiedono risorse oggettive e conoscenze teoriche ma soprattutto impegno personale, disponibilità relazionale ed estro creativo

Educatori non si nasce ma si diventa solo se riconoscono i compiti necessari a svolgere il mestiere più difficile al mondo e si sanno attivare le proprie risorse interiori che permettono di mettere in pratica quelle che chiamiamo le "buone prassi educative" .
Il cosiddetto “buon educatore” o, come diceva Winnicott, il genitore sufficientemente buono ha necessità di conoscenze “tecniche” unitamente ad una serie di competenze e abilità che si costruiscono con pazienza e impegno sempre che ci sia il desiderio di approfondire la conoscenza di  sé.

In gran parte le abilità più significative per la sfida educativa del nostro tempo, iniziano tutte con la lettera “c”. Intanto proviamo ad elencarne alcune. Ne faranno seguito altre.

1. Conoscenze: sono l’insieme delle cose teoriche e non che è necessario sapere sui processi evolutivi. 
Questo permette di comprendere cosa vuol dire essere bambini o adolescenti e quale impatto ha ogni fase evolutiva sulla relazione educativa.
Per questo il lavoro del genitore è un mestiere da imparare. Allo stesso tempo però conoscere vuol dire  anche sapere chi siamo come adulti ed essere in grado di riconoscere le parti interne cresciute e quelle che sono rimaste infantili. Quelle solide e quelle fragili.

2. Competenze relazionali, sono le nostre capacità di intrattenere e sviluppare con gli altri e in modo particolare con i figli, rapporti soddisfacenti, maturi e autorevoli, costruttivi e soddisfacenti per noi e per loro.

3. Capacità affettiva è l’essere in grado di dare ed esprimere affetto, cioè saper manifestare le proprie emozioni.
Perché educare significa saper esprimere il proprio mondo emotivo-affettivo, ovvero permettere e permettersi senza timore i sentimenti anche quelli difficili.

4. Comprensione vuol dire saper capire l’altro, non solo per quello che dice ma anche quello che vive e prova ma non riferisce a parole.
Significa sentire empaticamente ciò che il proprio figlio sente.
Vuol dire immedesimarsi, essere nella sua pelle e accettare fino in fondo i suoi pensieri e il suo modo di essere, anche se abbiamo un’altra visione della vita e la nostra esperienza.

5. Comunicazione è il saper parlare al bambino e all’adolescente con un linguaggio appropriato e adatto al suo universo.
Ma poiché si comunica sia a parole che a gesti, a livello verbale e non verbale, saper comunicare vuol dire conoscere bene questi codici.
Poi la comunicazione è anche saper ascoltare fino in fondo, dedicare cioè attenzione, presenza, partecipazione. In una parola vuol dire “esserci”.

Giuseppe Maiolo
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/04/2015 08:22:00
Le parole nella separazione Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

02/03/2014 09:34:00
Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose

18/03/2014 09:01:00
San Giuseppe: quale festa del padre? Si fa riferimento al padre putativo di Gesù, per ricordare le funzioni del padre, anche se prevale il sospetto che gli aspetti commerciali abbiano fatto perdere la valenza simbolica di questa figura

03/03/2012 10:00:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" è stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo

06/05/2015 14:41:00
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto



Notizie da Genitori e Figli
02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

20/06/2015

Tempo di esami

Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

06/05/2015

Mala Educaciòn

Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015

Le parole nella separazione

Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

21/04/2015

L'elogio del dubbio 2

È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


23/03/2015

Il legame fraterno

La relazione che lega i fratelli può essere semplice e allo stesso tempo complessa, ma costituisce il primo rapporto affettivo che potremmo definire orizzontale perché si sviluppa tra pari


10/03/2015

Cyberbullismo

Alcuni giorni fa la RAI ha trasmesso un video mostrando un episodio di bullismo: una ragazza di 17 anni che con inaudita violenza aggredisce un’altra ragazza di 12 anni

25/02/2015

La psicologia del branco

Il partecipato dibattito, anche critico, al tema del padre mancante trattato la volta scorsa, mi fa dire che sull’argomento educazione e funzioni genitoriali c’è, come giusto, grande attenzione e interesse

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier