Skin ADV
Sabato 03 Dicembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




12 Settembre 2022, 09.30

Blog - Genitori e figli

Insegnare vuol dire...

di Giuseppe Maiolo
Insegnare, dice il vocabolario, è verbo transitivo che vien dal latino "insignare" e significa "imprimere segni"...

Insegnare, dice il vocabolario,
è verbo transitivo che vien dal latino “insignare” e significa “imprimere segni”. Comprendi subito, allora, che non è solo trasmettere nozioni, né far acquisire le competenze del saper dire e del saper fare. Insegnare è lasciare tracce o impronte nella mente e nell’anima di chi cresce.

Mestiere impegnativo, faticoso,
spesso poco riconosciuto e maltrattato, insegnare è arte complessa, delicatae difficile perché deve fornire le chiavi per leggere la realtà, gli strumenti per capirla e, più ancora, deve far nascere domande per cercare i significati. Chi insegna fa questo e, diceva Jung, se si guarda indietro si apprezzano “gli insegnanti brillanti, ma la gratitudine va a coloro che hanno toccato la nostra sensibilità umana” Poi aggiungeva che “è il calore l’elemento vitale per la pianta che cresce e per l’anima del bambino”.

Arte antica e indispensabile
quella dell’insegnamento, ma prima di tutto relazione affettiva fatta di parole, ma solo quelle che servono. Più che altro è gesto, azione, esempio. Un’arte che s’impara e si costruisce con gradualità, fatica, passione, gentilezza, perseveranza e pazienza soprattutto. Solo allora si lascia un’impronta, che è il segno dell’“Esserci”.

Il don Milani maestro di Barbiana, rispondeva con energico vigore agli insegnanti che gli chiedevano quali erano i suoi programmi del suo insegnamento e le materie. Diceva: “Non dovrebbero preoccuparsi di come bisogna fare per fare scuola, ma solo di come bisogna essere per poter fare scuola” (Esperienze pastorali, Libreria editrice fiorentina).

L’essere, dunque, serve di più del fare o dare nozioni e risposte. Tanto più che oggi è difficile competere con il Signor Google che ha risposte immediate per tutti. Caso mai è insegnare a far domande, aiutare a farle emergere, sostenere il dubbio non le certezze, valorizzare le ipotesi e non le prime “verità” che si incontrano.

L’essere è stare accanto per accogliere e far nascere il pensiero, quello creativo e critico. In questo senso è un’azione ancora molto vicina alla “maieutica” di Socrate che, similmente alla pratica delle ostetriche che aiutano i bambini a nascere, aveva la funzione di educare i discepoli a trovare risposte autonome. Era, ed è ancora, un continuo dialogo con l’allievo ma soprattutto un ascolto empatico e di poche parole.

Eppure nell’insegnare serve “spiegare”, cioè serve avere parole, non per dare soluzioni quanto per “togliere le pieghe” alle cose e renderle accessibili senza eliminare il mistero, che è lo sconosciuto. La sua funzione è in quel suonare insieme e cercare con chi cresce l’armonia della vita. Non ricordo ma qualcuno deve aver detto che “Il migliore insegnante è l’allievo migliore”.

Insegnare è comunicare, mettere in comune l’esperienza, narrare e narrarsi con il linguaggio verbale e ancor di più con quello non verbale. Ed è consapevolezza della quantità di cose che passano dalle “non-parole” e dai gesti, dal silenzio creativo dell’ascolto che trasmette corpo, presenza, fascino.

È anche affascinare, cioè il sedurre non pericoloso che serve a incantare e a far innamorare della conoscenza, quella che fa crescere e si dona alla memoria.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/01/2022 09:26
Il Capodanno nella psiche e l'arte del cambiamento Si dice che il Capodanno sia una sorta di compleanno collettivo e i festeggiamenti rappresentino per tutti, nel bene e nel male, la consapevolezza di un anno in più. Ne deriva che le reazioni a questa ricorrenza siano diverse

24/07/2021 08:03
Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta Da più parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


18/11/2018 08:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/02/2020 11:00
Per un'educazione digitale Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


19/07/2021 10:52
Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere C'è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete



Notizie da Genitori e Figli
17/06/2022

Tempo di esami e tempo dell'ansia

Con gli esami in arrivo l'aria che si respira in famiglia e tra i ragazzi, carica di tensione

22/01/2022

Povertà educativa e cultura della violenza

La violenza sulle donne da parte dei maschi purtroppo una realt quanto mai ricorrente, ma le riflessioni sul maschilismo che la alimenta continuano ad incontrare inaccettabili resistenze

03/01/2022

Il Capodanno nella psiche e l'arte del cambiamento

Si dice che il Capodanno sia una sorta di compleanno collettivo e i festeggiamenti rappresentino per tutti, nel bene e nel male, la consapevolezza di un anno in pi. Ne deriva che le reazioni a questa ricorrenza siano diverse

31/12/2021

Coltivare la speranza

Se c' una parola che nei giorni natalizi e di fine d'anno ricorre pi di frequente, questa la "speranza".

15/12/2021

L'albero di Natale, ancora metafora della nostra esistenza

Nei preparativi per il Natale ancora oggi, oltre al Presepe come narrazione della cristianit, c' l'albero da adornare all'esterno o in casa


13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da pi parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C' da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier