Skin ADV
Domenica 08 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




27 Gennaio 2015, 08.00

Genitori&Figli

La società omofobica

di Giuseppe Maiolo
Ha fatto clamore la sentenza della Corte di Cassazione di qualche giorno fa, che ha definito “omofobico” il comportamento reiterato di un’amministrazione pubblica nei confronti di un ragazzo che si era dichiarato omosessuale

Fa però altrettanto clamore il fatto che ci siano voluti 14 anni per arrivare a questa giudizio. Il al di là di qualsiasi altra lettura fa capire che l’omofobia ha radici profonde non solo nella nostra cultura ma anche nella psiche degli individui.  Non si sradica con facilità la paura del diverso. Al contrario ha libera circolazione l’intolleranza, l’aggressività delle parole e la violenza degli atti verso chi, per il suo orientamento sessuale, consideriamo diverso e  pericoloso al punto tale da negargli l’uso della patente di guida.

Nonostante la vantata liberazione sessuale, viviamo ancora immersi in una densa e diffusa cultura medioevale che alimenta la violenza e il disprezzo e si ciba di pregiudizio. A dispetto di ogni illusorio progresso della mente, la paura di ciò che non corrisponde ai nostri vantati valori, dilaga nella coscienza collettiva e contagia un po’ tutti come un virus.

Viviamo un tempo di diffusa ipocrisia, che più o meno fa dire “Non ho nulla contro i gay, ho molti amici che lo sono”, con il quale scambiamo la tolleranza con l’indifferenza. Solo quando vengono emesse sentenze come quella dell’altro giorno, forse riusciamo a percepire quali forti resistenze ci portiamo appresso un po’ tutti e quali paure affollano la nostra mente.

Sembra così del tutto inutile ribadire che la Comunità scientifica da tempo ha tolto dalle patologie l’orientamento omosessuale. Eppure, purtroppo, c’è ancora chi anche tra gli psicologi e gli psichiatri, come il clinico americano Joseph Nicolosi, sostiene che l’omosessualità sia un disturbo mentale e come tale vada curato.

Personalmente non credo ci sia solo la paura della diversità che alimenta l’aggressività e la violenza. Penso che alle radici del comportamento omofobico vi sia ancora un magma indifferenziato di sentimenti che non si sono potuti evolvere perché è mancato un percorso educativo e l’accompagnamento a far crescere l’empatia con lo sviluppo e l’individuazione psichica.

Chi si accanisce contro l’omosessualità, ma in genere contro tutte le diversità, di solito non ha avuto a fianco qualcuno che con amorevole attenzione lo aiutasse a sviluppare alla conoscenza di se stesso, del proprio mondo emotivo e delle proprie parti oscure. Per queste persone di solito è stato carente l’ascolto delle emozioni e dei sentimenti propri e altrui con cui è possibile percepire l’altro e i suoi vissuti.

Dal fallimento del processo educativo può nascere e proliferare l’intolleranza nei confronti di tutto ciò che non riusciamo a comprendere e non sappiamo condividere.  La paura dell’altro che è diverso da noi, nasce all’interno del pensiero unico che polarizza la coscienza e mette distanza.

Se ha dominato, come continua a dilagare in questi nostri anni, il motto “fatti gli affari tuoi”, questo atteggiamento della mente, favorisce un esasperato egocentrismo che produce indifferenza e incrementa l’idea che ognuno debba realizzare il proprio personale tornaconto.
Più è elevato questo bisogno e più si mette in azione un meccanismo di difesa come la proiezione che sta alla base del pregiudizio e dell’intolleranza, tipica dell’omofobia.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2012 10:00:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" è stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo

02/11/2013 09:16:00
Omosessualità e suicidio Si può morire a 21 anni perché non ci si sente accettati dalla società e si vive con disagio il proprio essere omosessuale? Il caso di Simone, suicida a Roma, ci deve far riflettere

06/05/2015 14:41:00
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015 08:22:00
Le parole nella separazione Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

12/01/2015 10:00:00
I legami che non aiutano I legami tra genitori e figli sono fili sottili che alimentano i rapporti o che li rendono soffocanti



Notizie da Genitori e Figli
02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

20/06/2015

Tempo di esami

Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

06/05/2015

Mala Educaciòn

Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015

Le parole nella separazione

Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

21/04/2015

L'elogio del dubbio 2

È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


23/03/2015

Il legame fraterno

La relazione che lega i fratelli può essere semplice e allo stesso tempo complessa, ma costituisce il primo rapporto affettivo che potremmo definire orizzontale perché si sviluppa tra pari


10/03/2015

Cyberbullismo

Alcuni giorni fa la RAI ha trasmesso un video mostrando un episodio di bullismo: una ragazza di 17 anni che con inaudita violenza aggredisce un’altra ragazza di 12 anni

25/02/2015

La psicologia del branco

Il partecipato dibattito, anche critico, al tema del padre mancante trattato la volta scorsa, mi fa dire che sull’argomento educazione e funzioni genitoriali c’è, come giusto, grande attenzione e interesse

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier