Skin ADV
Domenica 08 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




25 Febbraio 2015, 10.19

Genitori & Figli

La psicologia del branco

di Giuseppe Maiolo
Il partecipato dibattito, anche critico, al tema del padre mancante trattato la volta scorsa, mi fa dire che sull’argomento educazione e funzioni genitoriali c’è, come giusto, grande attenzione e interesse

Ritengo allora utile promuovere un’altra riflessione sulla violenza giovanile che mi viene suggerita da due episodi recenti: le devastazioni romane di qualche giorno fa di un branco di cosiddetti “tifosi” e l’abuso sessuale messo in atto per mesi da un altro branco ai danni di una tredicenne.

Potrà sembrare strano ma, a mio avviso, c’è qualcosa che accomuna questi eventi.
Da un lato la forza e il potere del gruppo che diventa “branco” e devasta, saccheggia, violenta con una sorta di provocatorio esibizionismo.
Dall’altra la sensazione che vi sia una generale incapacità nei nostri ragazzi a gestire le emozioni, a controllare le proprie pulsioni e a comprendere la relazione tra azione e conseguenze.

Non per insistere sulle funzioni educative paterne e sulla necessaria normatività dei padri, che a mio avviso non confligge con il rispetto dell’altro né con i democratici principi educativi, mi viene da chiedere se non sia questa mancanza di autorevolezza e di coerenza educativa che ha reso “morbido” il padre e “sbiadito” il suo intervento a far sì che gli adolescenti non siano in grado di mettere confini al loro agire.

Da sempre il ruolo del padre è stato quello di “traghettare” i figli dall’universo materno a quello della società.
E proprio durante questo percorso, che oggi coincide con l’epoca dell’adolescenza, la sua funzione è sempre stata quella di dare regole e limiti, di accettare la trasgressività, ma al contempo sanzionare gli sbagli, di incoraggiare ma pure pazientare e saper attendere perché la crescita richiede tempo, accompagnamento e ascolto.

Purtroppo non sembra oggi che vi sia più una grande attenzione alla trasgressione, anche perché i limiti sono diventati vaghi e imprecisi.
Abbiamo definito “bravate” le disobbedienze che una volta venivano sanzionate e le abbiamo quindi declassate ad azioni banali.
Abbiamo sostanzialmente abolito lo scontro generazionale, creando una comunità di “amici”.

Questo fa sì che quella trasgressività fisiologica che opponeva i figli ai padri e che caratterizzava l’epoca del confronto con la vita e la società è quasi del tutto venuta a mancare.
Non c’è più conflitto tra il bisogno di autonomia e il freno delle regole che in un tempo non molto distante da noi, venivano poste non solo a parole ma spesso anche solo con uno sguardo da quel padre severo e intransigente.

Alle volte, è vero, si trattava di un padre-padrone e in questo caso non vi  era confronto ma sottomissione.
Nella maggior parte dei casi però lo scontro era un banco di prova. Serviva perchè il giovane cominciasse a mettere in gioco le sue capacità, ma anche per controbilanciare, ad esempio, un altro potere emergente, quello del gruppo che aiuta serve all’adolescente per trovare l’energia per affrancarsi dalla dipendenza  infantile e diventare autonomo.

Quel gruppo ora, in assenza del confronto con i limiti e le regole, è diventato totalitario.
È diventato “branco” dove gli agiti collettivi precedono il pensiero del singolo e dove la partecipazione alle imprese è sempre più caratterizzata dal bisogno di dare sfogo alle proprie pulsioni aggressive e violente.
In molti casi l’appagamento viene da quella scarica di adrenalina che il branco insegue e dal bisogno individuale di ciascun membro di emulare le azioni degli altri e dimostrare ai pari, non più agli adulti, che si è in grado di fare imprese mirabolanti.

Questa è la differenza.
Non è più il braccio di ferro tra due soggetti, giovane e adulto, a muovere la trasgressione dei nuovi adolescenti, quanto la necessità di mostrarsi ai pari come super-eroi imbattibili e far vedere ad una platea sempre più ampia di quali cose si è capaci.
Il bisogno quindi di essere visibili, di “bucare” l’attenzione di un “pubblico” sempre più sonnolente e distratto, spesso ormai indifferente a tutto, la necessità di essere protagonisti su Youtube o sui Social anche solo per il piacere di ricevere quei tanti click che ti fanno sentire importante, alimenta un po’ tutte le azioni estreme.

È questa la psicologia del branco
, quella che muove una spavalda violenza per le strade e sostiene l’ostentata sicurezza del bullo che minaccia e abusa realmente o in Rete producendo quel devastante fenomeno che sta diffondendosi e che si chiama “cyberbullismo”. 

Giuseppe Maiolo
www.ciripo.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/03/2014 09:01:00
San Giuseppe: quale festa del padre? Si fa riferimento al padre putativo di Gesù, per ricordare le funzioni del padre, anche se prevale il sospetto che gli aspetti commerciali abbiano fatto perdere la valenza simbolica di questa figura

02/02/2015 09:42:00
Il padre mancante Stupisce, come sempre, Papa Francesco ma coglie nel segno. I padri di oggi sono latitanti, assenti, distanti dai figli. Io aggiungerei mancanti, perché mancano delle loro funzioni principali.

15/11/2014 08:00:00
Separazione: come ragiscono i figli? La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

24/08/2013 09:30:00
Le funzioni del padre La figura del padre interessa sempre. L'argomento suscita sempre riflessioni e reazioni. Forse perché per lungo tempo è stata trascurata

16/08/2014 10:00:00
L’estate degli adolescenti L’estate, per tutti è sinonimo di vacanza e di svago, di vita all’aria aperta. Per gli adolescenti ancora di più.



Notizie da Genitori e Figli
02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

20/06/2015

Tempo di esami

Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

06/05/2015

Mala Educaciòn

Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015

Le parole nella separazione

Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

21/04/2015

L'elogio del dubbio 2

È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


23/03/2015

Il legame fraterno

La relazione che lega i fratelli può essere semplice e allo stesso tempo complessa, ma costituisce il primo rapporto affettivo che potremmo definire orizzontale perché si sviluppa tra pari


10/03/2015

Cyberbullismo

Alcuni giorni fa la RAI ha trasmesso un video mostrando un episodio di bullismo: una ragazza di 17 anni che con inaudita violenza aggredisce un’altra ragazza di 12 anni

02/02/2015

Il padre mancante

Stupisce, come sempre, Papa Francesco ma coglie nel segno. I padri di oggi sono latitanti, assenti, distanti dai figli. Io aggiungerei mancanti, perché mancano delle loro funzioni principali.

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier