Skin ADV
Sabato 14 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




23 Marzo 2015, 09.25

Genitori & Figli

Il legame fraterno

di Giuliana Beghini Franchini
La relazione che lega i fratelli può essere semplice e allo stesso tempo complessa, ma costituisce il primo rapporto affettivo che potremmo definire orizzontale perché si sviluppa tra pari

Diverso è invece quello con i genitori che è "verticale" in quanto fatto di amore incondizionato e gratuito.

Per ogni bambino l’essere amati è un diritto, una necessità e una condizione senza la quale non si può crescere e diventare grandi.
È un alimento essenziale per la vita la cui mancanza può anche far morire.
L’amore fraterno no, è un optional, importante e decisamente utile al percorso evolutivo, ma secondario e tutto da costruire, piano piano, senza fretta perché è un processo di conoscenza. Non è mai un dono, ma una conquista.

Così tra fratelli l’amore non è scontato
, viceversa si sviluppa giorno dopo giorno anche attraverso il conflitto e lo scontro ed è fuori luogo pensare che un bambino o una bambina debba amare o voler bene al fratello solo perché appartiene alla stessa famiglia.
Anzi, sappiamo tutti che, all’inizio della storia, è vero il contrario, cioè che il bambino all’arrivo del fratellino, pur se desiderato tanto, lo sente subito come un intruso e un rivale.

La gelosia e la rivalità che attraversano ogni legame fraterno sono un’ esperienza comune, si potrebbe dire fisiologica perché questi sentimenti nascono dalla paura di essere amati di meno e di perdere i propri privilegi. 
Voler bene a qualcuno che non si conosce non è facile, né è semplice per nessuno. Non lo è per il bambino che deve accogliere il nuovo arrivato, benché voluto e atteso, e neppure per chi arriva e deve farsi spazio in famiglia. 

Chi è già lì deve rinunciare a qualcosa
, ma da piccoli questa parola è terribile perché evoca perdite spaventose, vuoti, abbandono, solitudine.
Chi entra, viceversa, ha il problema di capire dove si trova, dove andare a collocarsi e come trovare il suo posto anche quando glielo abbiamo preparato.
Pure questo è complicato e problematico perché richiede la capacità di orientarsi, che all’inizio non si possiede. Il nuovo arrivato è come uno che entra in una sala buia ma già piena di gente e ha bisogno di qualcuno che lo aiuti a vedere dove andare a sedersi senza pestare i piedi a nessuno.

Gestire l’incontro e la conoscenza reciproca dei fratelli
è anche per i genitori un’esperienza particolare che richiede attenzione ed energia.
Ad esempio quando nasce un secondo figlio non si divide l’affetto e l’amore ma è necessario moltiplicarlo.
Poi c’è da tener botta a più richieste e a necessità diverse. Conta quindi per i genitori la pazienza e la forza di saper gestire l’incontro e lo scontro, l’alleanza e la rivalità che, per i fratelli, sono sentimenti del tutto comuni. 

Non spaventiamoci quindi ma rimbocchiamoci le maniche e cominciamo a pensare che la conflittualità tra due fratelli esiste e fa bene, serve a capire i limiti e sprona a superarli.

Giuliana Beghini Franchini
www.ciripo.it



Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/07/2014 08:15:00
In vacanza coi figli Il tempo della vacanza è il tempo in cui cambiano i ritmi quotidiani e andare in vacanza con i figli richiede programmazione e preparazione

02/03/2014 09:34:00
Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose

07/12/2012 10:15:00
I segnali del disagio nei nostri figli Gianpiero Rossi affronta in questo primo di due articoli sul disagio tre comportamenti che si manifestano nei bambini e nei ragazzi: irrequietezza, timidezza e rabbia. E per ciascuno qualche consiglio per i genitori su come aiutare i propri figli

03/03/2012 10:00:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" è stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo

26/02/2014 09:30:00
La nonnità I nonni sono una risorsa. Non solo perché aiutano i genitori ad affrontare le incombenze quotidiane. piuttosto perché la vicinanza affettiva e l’esperienza maturata, unita al non avere più obblighi educativi, li rendono preziosi e autorevoli sostegni formativi



Notizie da Genitori e Figli
02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

20/06/2015

Tempo di esami

Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

06/05/2015

Mala Educaciòn

Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015

Le parole nella separazione

Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

21/04/2015

L'elogio del dubbio 2

È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


10/03/2015

Cyberbullismo

Alcuni giorni fa la RAI ha trasmesso un video mostrando un episodio di bullismo: una ragazza di 17 anni che con inaudita violenza aggredisce un’altra ragazza di 12 anni

25/02/2015

La psicologia del branco

Il partecipato dibattito, anche critico, al tema del padre mancante trattato la volta scorsa, mi fa dire che sull’argomento educazione e funzioni genitoriali c’è, come giusto, grande attenzione e interesse

02/02/2015

Il padre mancante

Stupisce, come sempre, Papa Francesco ma coglie nel segno. I padri di oggi sono latitanti, assenti, distanti dai figli. Io aggiungerei mancanti, perché mancano delle loro funzioni principali.

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier