Miniere e turismo, accoppiata vincente
di Erregi

Con grande impegno da parte dei molti attori coinvolti, le miniere del territorio triumplino si rivelano una scommessa vinta, capace di attrarre moltissimi visitatori e anche l'attenzione della Commissione Agricoltura e Turismo della Provincia

 
Pezzaze e Collio veri e propri fiori all’occhiello per il turismo della Valle del Mella: grazie all’offerta delle Miniere Marzoli e Sant’Alosio, riportate in auge grazie anche alla gestione della Ski-Mine, non solo si mantengono vive nella memoria le tradizioni e il mestiere del minatore, ma si valorizza anche il territorio.
 
Una formula vincente, già sperimentata spesso, infatti, è quella di abbinare alla visita delle miniere anche la degustazione di prodotti tipici locali che non si limitano solo al Nostrano Dop, ma si estendono ad altri prodotti caseari, ai salumi, alla frutta, alle confetture e al miele, in un crescendo di sapori che, uniti al caratteristico tour nel ventre della montagna, catturano il pubblico.
 
E  il passaparola, unito alla buona promozione di Ski-Mine, Consorzio Valtrompia, Gal Gölem e all’impegno di molti operatori e volontari fa sì che il turismo aumenti, anche attraverso offerte promozionali, visite per aperte alle scuole locali e non solo.
 
Alunni e gruppi, però, non sono gli unici attratti dai bui cunicoli della Miniera Marzoli: queste potrebbero essere le condizioni ideali per l’affinamento del Nostrano Valtrompia, possibilità che sembra già certa.
 
Nel frattempo, a testimonianza dell’eco ricevuta dalle iniziative in miniera, ieri ci sono stati ospiti d’eccellenza: la Commissione Agricoltura e Turismo della Provincia è giunta a Pezzaze per prendere visione del percorso turistico di cui tanto si parla.
miniera-di-pezzaze.jpg miniera-di-pezzaze.jpg