Skin ADV
Mercoledì 14 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






02 Febbraio 2013, 09.30

Normative

Consiglio di Stato: traditi i referendum sull'acqua

di Redazione
L'organo istituzionale ritiene "incoerenti" con il quadro normativo uscito dal referendum tenutosi il 12 e 13 giugno 2011 i costi pagati da allora e invita l'Authority per l'energia ad adottare nuove tariffe. Di seguito il comunicato di Alma Aqua di Prevalle che si era spesa per il referendum
 
Le bollette dell'acqua pagate dagli utenti dal 2011 ''non sono coerenti'' col quadro normativo uscito dal referendum del 12-13 giugno celebrato lo stesso anno. A questa conclusione è giunto il Consiglio di Stato esprimendo un parere rivolto all'Authority per l'energia, giudicando ''in contrasto'' col referendum il criterio della ''adeguatezza della remunerazione dell'investimento'' per determinare la tariffa, ovvero il profitto garantito del 7% presente nelle bollette.
 
Riportiamo al riguardo il comunicato dell’associazione Alma Aqua onlus di Prevalle che si è battuta per l’esito positivo dei referendum.

Lo ripetiamo ancora una volta: abbiamo vinto, non si possono fare profitti sull'acqua. Questa volta a darci ragione è il parere del Consiglio di Stato sulla tariffa: le bollette che i gestori consegnano ai cittadini sono illegittimamente gonfiate e non rispettano la volontà referendaria espressa da 27 milioni di persone.

L'Autorità per l'Energia Elettrice ed il Gas, incaricata di formulare la nuova tariffa all'indomani del Referendum, aveva infatti chiesto un parere al Consiglio di Stato circa la remunerazione del capitale investito, ovvero il profitto garantito del 7% presente nelle bollette. Il Consiglio di Stato ha risposto confermando quanto precedentemente affermato dalla Corte Costituzionale: dal 21 luglio 2011, data di proclamazione della vittoria referendaria, la remunerazione del capitale investito doveva cessare di essere calcolata in bolletta.

Quello che i cittadini hanno pagato è illegittimo e i soggetti gestori non hanno più alibi: devono ricalibrare le bollette. Il Forum Italiano dei movimenti per l'acqua lo dice da più di un anno e lo ha messo in pratica con la campagna di “obbedienza civile”, con cui decine di migliaia di persone in tutta Italia hanno ridotto le proprie bollette per contrastare la violazione democratica.

Oggi, questa sentenza rafforza la necessità di rispettare il referendum del 2011 e delegittima le scelte che hanno guidato l'AEEG nella formulazione della nuova tariffa, emessa un mese fa, in cui “la remunerazione del capitale investito” viene reintrodotta sotto mentite spoglie.

Questo nuovo evento non fa che rafforzare le ragioni di chi vuole un servizio idrico ripubblicizzato e fuori dalle logiche di mercato.
La mobilitazione contro la “nuova” tariffa AEEG è già iniziata e andrà avanti fino a che non verrà ritirata nel rispetto della volontà degli italiani, nelle strade, nelle piazze e nei tribunali. Si scrive acqua, si legge democrazia.

Qui la sentenza del Consiglio di Stato.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/10/2012 08:30:00
Villa Carcina e due referendum popolari dalle minoranze A fronte della decisione in consiglio di vendere un'area verde pubblica per ottenere liquidi da reimpiegare sul territorio, le minoranze hanno presentato due istanza referendarie per annullare la decisione e proporre il bilancio partecipativo

04/02/2013 10:20:00
Da Villa Carcina cisterne per l'acqua in un villagio brasiliano Nel mese di gennaio è stato presentato a Carcina il progetto realizzato dall'amministrazione insieme all'associazione "Etica": cisterne da 16 mila litri nel villaggio di Umburana e in grado di garantire acqua potabile per un anno a famiglie di 5 persone

15/05/2015 15:20:00
Anche Marcheno aderisce ad una proposta di referendum Da un paio di giorni e fino al 3 luglio prossimo, al municipio di Marcheno sarà possibile aderire ad una raccolta firme per proporre un referendum 

12/11/2012 10:00:00
Acqua sporca da un rubinetto di Sarezzo. Caso isolato? Nell'immagine inviata da un lettore saretino lo stato dell'acqua uscita nella giornata di ieri dal rubinetto della sua abitazione. Si tratta di un caso circostanziato al quadrante di via Cavour e via Garibaldi oppure no?

02/06/2011 10:10:00
Ok sul nucleare Alla fine, tutto resta come prima: il 12 e 13 giugno si voterà il referendum sul nucleare.



Notizie da Lettere al direttore
19/06/2015

Giorinox e il concordato

Ci scrive Alessandro Franzini, affermando di una "manovra" della storica azienda, per levarsi da parecchi guai che la stanno assillando, con la complicità di una legge che "non sarebbe proprio uguale per tutti". Pubblicheremo volentieri eventuali posizioni diverse


24/05/2015

Quanto è importante lo screening

Caro direttore, alcuni giorni fa mi sono recato presso gli Spedali Civili di Brescia per effettuare il periodico controllo semestrale (follow-up in termine medico) che eseguo dal 2011 anno in cui mi operarono per un tumore al retto...

17/04/2015

Animalista o ecoterrorista?

Da un paio d’anni a questa parte stiamo assistendo ad un fenomeno piuttosto preoccupante, destinato a segnare una profonda spaccatura tra il mondo delle “città” e il mondo della “campagna”

30/03/2015

Quella settimana corta

Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico



06/03/2015

Anonimi? Basta!

Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

21/02/2015

«Serve l'arbitrato internazionale»

Un lettore di Bovezzo di invia questa "lettera aperta al Presidente della Repubblica" in nome del Movimento Famiglie Italiane, in merito alla vicenda dei due marò fatti prigionieri in India


15/02/2015

Doppia violazione a Tindouf

Ci scrive Sara Baresi, presidente di Protea, associazione che si occupa di diritti umani e che ci segnala delle incongruenze in merito all'utilizzo degli aiuti umanitari destinati al popolo saharawi, argomento che abbiamo qui più volte trattato


06/01/2015

Pino Daniele, tra Napoli e il Blues

Caro direttore, data la sua scomparsa, ho sentito il bisogno di scrivere queste righe su Pino Daniele, musicista che ho amato senza mezze misure. Me le pubblica?


07/10/2014

Quale «onore» per un prestito?

Il "Prestito d'onore", come ci segnala questo lettore, proposta per incentivare l'iniziativa privata, ha prestato il fianco a persone che senza troppi scrupoli ne hanno e ne stanno ancora approfittando


07/09/2014

Attenti a quei rimborsi

Una lettrice ci informa che le modalità per chiedere il rimborso della tariffa di depurazione non dovuta in alcuni casi sono poco chiare


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier