Skin ADV
Mercoledì 01 Aprile 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE


 

 





12 Novembre 2013, 09.24

Lettere

«Ma set dre a schersà?»

di Il papà di Lorenzo
Caro direttore, sono il papà di Lorenzo. Ci risiamo, e da poco cominciata una nuova stagione calcistica e già mi ritrovo a chiederle spazio per esternare il mio malumore

Domenica si gioca in casa; ci aspetta un pomeriggio con tre partite.
La prima il derby, le nostre due squadre che si incontrano per la seconda volta questo anno; il fato e la necessità hanno voluto che mi trovo avversario di Lorenzo (lui fa parte della squadra A, io alleno la B), perdiamo nuovamente, questa volta con un più confortante 2-1, i bambini migliorano gara dopo gara, si impegnano e soprattutto si divertono.
 
Lorenzo questa volta non segna, nella scorsa partita ha realizzato il suo primo gol ufficiale, devo ammettere che è stata le prima volta in vita mia in cui sono stato felice di subire una rete.
Tutti negli spogliatoi.
 
Seconda partita.
Due squadre esterne che s’incontrano sul nostro campo, io dirigo la gara, in due minuti passo da allenatore ad arbitro, (ho scoperto che fare l’arbitro non è un lavoro ambito).
 
Inizia la gara, meta del primo tempo, scontro fortuito in area, l’attaccante cade, faccio proseguire e dalla panchina mi chiedono il rigore, che ovviamente non concedo, (dovrei fischiare almeno una decina di rigori così a partita), il giocatore si rialza e nell’azione successiva, pensa bene di rincorrere un difensore e di rifilagli un bel calcione, il famoso fallo da dietro, per essere preciso punibile con un cartellino, magari rosso, cartellini che io non possiedo, fischio, fermo il bambino e gli dico: "Così no!" e per essere più incisivo aggiungo: "Se fai cosi ti butto fuori!", ma inteso come, ti prendo di peso e ti porto fuori dal campo.
 
Il suo allenatore invece di richiamare alla correttezza il bambino, inveisce e mi chiede perché, perché, molto agitato, mi ricorda che prima era rigore.
Il gioco riprende, qualche minuto dopo, sono entrambi gli allenatori avversari ad accapigliarsi per l’ormai famoso rigore, un che ripete: "Era rigore, era rigore, era rigore", l’altro che risponde con un semplice: "Ma set dre a schersa!" sono imparziale, ma il secondo era più simpatico.
 
Secondo tempo, un bambino palla al piede mi urta, schiamazzi, con i vari "arbitro" che si alzano dalla tribuna, un papà più insistente, a mani giunte, nel classico gesto del … "ma come si fa, ma come si fa", cosi che lo chiamo e gli chiedo se vuole continuare lui al mio posto, ma si è rifiutato.
Siamo quasi allo scadere una giovane, elegante e distinta mamma mi urla un becero "TEMPO" così che le devo ricordare che lo so, che sono l’arbitro, che ho appunto l’orologio per cronometrare il tempo, e che manca un minuto alla fine dell’incontro e anche questa si ammutolisce. Dopo un minuto, appunto, fischio la fine.
 
Terza partite tutto fila liscio.
 
Qualche riflessione.
-Questi allenatori sanno che stanno partecipando al torneo ANSPI, ANSPI che sta per Associazione Nazionale San Paolo Italia, tradotto campionato degli oratori?
-Questi allenatori sanno che io non sono un arbitro amatoriale, ma solo un papà che si mette a disposizione e fa ciò che molti altri non vogliono fare e anche domenica ho capito perché?
-Questi allenatori sanno che sono un esempio per i "loro bambini"? (Prima di essere giocatori di calcio sono bambini).
-Questi allenatori conoscono il significato della parola rispetto?
-Questi allenatori, al pari di certi genitori esagitati, sono consapevoli del loro ruolo di educatori, o vivono questa situazione solo per una rivalsa di un passato ingeneroso?

Caro direttore quante domande per una semplice partita di calcio, lei non trova?
Ho nuovamente fatto una domanda.
 
 
Le porgo i miei distinti saluti, ancora il papà di Lorenzo.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/03/2013 09:45:00
Caro, carissimo Benedetto XVI Caro direttore, chiedo ospitalità sul tuo giornale per queste mie poche righe, ti sarò grato se vorrai pubblicarle

06/03/2015 14:35:00
Anonimi? Basta! Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

24/05/2015 07:46:00
Quanto è importante lo screening Caro direttore, alcuni giorni fa mi sono recato presso gli Spedali Civili di Brescia per effettuare il periodico controllo semestrale (follow-up in termine medico) che eseguo dal 2011 anno in cui mi operarono per un tumore al retto...

17/04/2014 09:32:00
La bandiera dei tre colori Gentile e caro direttore, molti ignorano, anche nelle pubbliche amministrazioni, che l’esposizione del nostro tricolore ha regole precise, fissate da un protocollo della Presidenza della Repubblica

28/11/2013 09:00:00
La tratta dei giovani Caro direttore, vorrei portare alla luce il nuovo sistema che utilizzano alcune attività imprenditoriali per non pagare i contributi, sulle spalle di chi ha bisogno di lavoro



Notizie da Sport
10/01/2020

Nasego e Chiavenna-Lagunc con i grandi del mondo, annunciata la World Cup 2020!

Vertical Nasego e Trofeo Nasego, organizzate il 16 e 17 maggio prossimo dal team di ABCF Comero di Casto  saranno due tappe della Coppa del Mondo di Corsa in Montagna

10/01/2020

Le «magnifiche» 7 di Brixia Adventure Mtb 2020

Nuove gare e molte novità per il circuito bresciano di Mountain bike, che terrà banco fra Valsabbia e Garda fra marzo e ottobre 2020

13/12/2019

L'acheo troiano

I poemi epici narrano le gesta di eroi che, con o senza l’ausilio della benevolenza divina, riuscivano in imprese che in seguito sarebbero rimaste nel mito e nella leggenda


16/10/2019

Un altro anno da incorniciare

E’ quello della stagione agonistica del Motoclub Lumezzane, che si è svolto a Bione, nei locali messi a disposizione in via don Giuseppe Bazzoli dall’Aignep... in attesa della prossima edizione dell'X-TREAM


12/02/2019

Esordienti B, ottimi risultati a Lamarmora

La piscina Lamarmora accoglie gli Esordienti B per la IV Manifestazione Provinciale a loro dedicata, anche i piccoli atleti G.A.M. Team si uniscono alla bella iniziativa che gli azzurrini e i loro fratelli maggiori hanno messo in scena a Torino disegnandosi una "M" sulla pelle in solidarietà a Manuel Bortuzzo.

16/01/2019

Rise and fall and rise and... of Paolo Di Canio

Non è una “figurina di provincia”, magari avremmo potuto definirla “di borgata”, o addirittura non definirla affatto 

10/01/2019

Il Vicenza di Coppe

Stagione 97-98. Il Vicenza, fresco detentore della Coppa Italia, conquistata nel maggio scorso a spese del Napoli, si appresta ad affrontare i sedicesimi di Coppa delle Coppe 

09/01/2019

La Nasego sarà di nuovo tricolore

La Fidal si affida ancora ai ragazzi dell'Abcf Comero: per la 3ª volta nella sua storia la grande classica del Savallese è designata sede dei Campionati Italiani di Corsa in Montagna Lunghe Distanze e Km Verticale

18/12/2018

Monosci a Madonna di Campiglio

Riparte la stagione sciistica e ripartono i corsi di sci organizzati dall'associazione Vallesabbia Sporthand sulle piste delle Dolomiti di Brenta

26/11/2018

A Travagliato il Memorial Sussarello

Questa domenica al Palablu la Città di Travagliato è andato in scena il grande show del Memorial “Giorgio Sussarello”, il prestigioso trofeo di nuoto dedicato ad uno dei più grandi simboli del nuoto bresciano è ormai giunto alla sua nona edizione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier