Skin ADV
Lunedì 26 Settembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 




03 Maggio 2013, 09.00

La nota del notaio

¬ęProcedimenti disciplinari¬Ľ

di Fabrizio Santosuosso
Si assiste ad un'anomala impennata, senza precedenti, di procedimenti disciplinari a carico di notai. Il notaio Fabrizio Santosuosso scrive una "lettera aperta" indirizzata soprattutto alla Magistratura

Non √® un caso che una delle pi√Ļ autorevoli monografie in materia di responsabilit√† disciplinare del notaio (La Responsabilit√† disciplinare del Notaio ed il relativo Procedimento, di V. Tenore ‚Äď G. Celeste, Milano 2008) nella presentazione evidenzia ‚Äúil monito a tutti gli ordini professionali, ivi compreso quello notarile, a fare uso imparziale (non strumentale) della leva disciplinare‚Äú, precisando poi che, ove cos√¨ non fosse, ‚Äúla tolleranza di tali fenomeni nel lungo periodo mina in radice la moralit√†, ancor prima che la legalit√†, della categoria professionale‚ÄĚ.
 
OGGI, PURTROPPO, SI STA VIVENDO UNO DEI MOMENTI PI√ô BUI DELLA GLORIOSA STORIA DEL NOTARIATO ITALIANO.
 
Si assiste, infatti, ad un’anomala impennata, senza precedenti, di procedimenti disciplinari a carico di notai.
Per sgombrare subito il campo da equivoci, non mi riferisco a quelli d’iniziativa degli Archivi Notarili Distrettuali e, nemmeno, a quelli (meno frequenti) d’iniziativa (diretta) delle Procure della Repubblica, che non sembrano presentare, anche da un punto di vista quantitativo, particolari anomalie o differenze rispetto al passato.
 
Mi riferisco, invece, a quelli (non tutti) d’iniziativa dei singoli Consigli Notarili distrettuali, organi pubblici composti da altri Notai.
La crisi fortissima che colpisce l‚Äôintero sistema notarile (perdita dei ‚Äúpassaggi automobilistici‚ÄĚ, perdita delle ‚Äúcancellazioni delle ipoteche‚ÄĚ, perdita delle ‚Äúcessioni di quote srl‚ÄĚ, il crollo dei mutui, il forte calo delle compravendite, la riduzione degli onorari per specifici atti, l‚Äôaumento legittimo del numero dei notai, la crisi della ‚ÄúCassa Nazionale del Notariato‚ÄĚ) ha penalizzato, in particolar modo, proprio quel notariato che vede nella professione notarile un ‚Äúricco feudo da preservare‚ÄĚ.
 
CON OGNI MEZZO.
 
In sintesi, sono stati maggiormente colpiti i portafogli di quei notai che in passato non hanno mai investito in tecnologia, in risorse umane, in ricerca professionale. Che (anche per supponenza e arroganza) non hanno mai avuto una predisposizione ad intessere relazioni con persone di differente livello culturale e che seduti sul proprio ‚Äúpodio notarile‚ÄĚ, dedicavano nulla o poco all‚Äôorganizzazione della struttura interna del proprio Studio.
Quei notai con i quali, per ottenere un appuntamento, occorreva attendere a volte anche settimane. Che per fissare un atto, facevano attendere altrettanto tempo. Che non richiamavano, per inefficienza interna, le telefonate ricevute e mai organizzate.
Che per leggere una vendita impiegavano anche due ore, dopo aver fatto magari aspettare molto in sala attesa, non per incapacità, bensì per mancanza di impegno e rigore nell’organizzazione interna o, peggio, perché il giorno prima, invece di leggersi quell’atto, erano a giocare a golf.
 
Quegli stessi notai che, per trent’anni, hanno chiuso ed abbandonato gli Studi il 25 di luglio per riaprirlo il 15 di settembre, con agende sempre e comunque stracolme di atti.
Molti di quei notai che, anche per un aspetto generazionale, fanno parte (in molti casi, anche da decenni) di Consigli, Comitati, Commissioni, Associazioni ecc.ecc.ecc.. E guai a chi gli dice che è opportuno un ricambio generazionale o comunque una sana turnazione!
 
DUE ERANO, QUINDI, LE SOLUZIONI CHE QUEL TIPO DI NOTAIO AVEVA DI FRONTE.
 
O quella, dura ed in salita, di rimettersi in discussione, dopo anni e anni di privilegi e comodità.
Oppure quella pi√Ļ semplice e che pare oggi avere miglior successo, anche nel campo dell‚Äôorgoglio professionale: cercare di ostacolare quei colleghi (di fatto concorrenti) che, nel rispetto dell‚Äôetica e della pubblica funzione, meglio sono riusciti ad affrontare l‚Äôattuale situazione di mercato. Come, si domandano gli stessi ‚Äúnotai salva feudo‚ÄĚ?
Riducendo i propri utili marginali, assumendo, istruendo e periodicamente organizzando il personale, delegando (con precise istruzioni, estrema cautela e costante controllo) solo quelle funzioni non qualificate e non propriamente essenziali, intessendo rapporti chiari, corretti e non supponenti o addirittura arroganti, con i Clienti e l’utenza notarile e, comunque, dando maggiore disponibilità e mettendo un po’ di passione e vitalità in tutto quello che nel proprio Studio si fa.
 
IN SINTESI, SCENDENDO DAL PODIO
 
Ed ecco che scatta, sempre in capo a quei ‚Äúnotai salva feudo‚ÄĚ quello strano meccanismo mentale: se qualcuno scende dal podio, rovina tutta la categoria (mette in pericolo la sicurezza del feudo e la distribuzione sicura ed orizzontale del lavoro). Portare, quindi, al patibolo il notaio concorrente √® la loro prima preoccupazione, facendo credere che sia l√¨ la causa di un notariato marcio, un notariato che si approfitta del povero cliente, un notariato da ‚Äúeliminare‚ÄĚ.
 
Guarda caso, poi, sono proprio quegli gli stessi ‚Äúnotai salva feudo‚ÄĚ che sottovoce e (solo) tra di loro mormorano‚Ķ. ‚Äútanto i Giudici odiano i notai ‚Ķ..per ovvi motivi‚Ķquindi visto che la Legge ce lo permette‚Ķ‚Ķ‚ÄĚ.
Il sistema e’ semplice da attuare, ma non facile da capire se non lo si vive, per anni e anni, dall’interno.
 
NEL 2013 IL MERCATO E’ ATTENTISSIMO.
 
Spietato. Fatto non solo di Clienti (ormai, fortunatamente, sempre meno ignari e sprovveduti ma sempre piu‚Äô preparati e, a volte, persino ‚Äúfurbetti‚ÄĚ) ma anche di Associazioni di consumatori, Avvocati, Consiglieri a vario titolo, pronti a ‚Äúfare causa al notaio‚ÄĚ.
Se, quindi, veramente un notaio si comportasse male, facesse scorrettezze, commettesse ripetutamente errori, fosse in sintesi un professionista scorretto e da sanzionare, altro che numero di atti elevati e repertori copiosi….!!!
Si puo‚Äô dire e sostenere di tutto, ma come si puo‚Äô affermare che questo tipo di ‚Äúdeontologia‚ÄĚ sia fatta per la tutela dei cittadini e per il servizio notarile?
I cavalli di battaglia utilizzati fanno molta breccia sulla Giurisprudenza che viene, di fatto, con grande maestria istituzionale, purtroppo strumentalizzata.
 
Basta leggere le Sentenze di condanna disciplinare degli ultimi quattro, cinque anni: eccessiva produzione di atti, mancanza di personalità nella prestazione, frettolosità della prestazione.
E, ancora …..uffici secondari, giorni di assistenza, orari di sottoscrizione, procacciatore di affari….. e così via.
Per non parlare dello stra‚Äô abusato art. 147 L.N. lett. A), che si usa quando proprio non si sa pi√Ļ cosa inventarsi.
 
TUTTO ESTERNAMENTE IMPRONTATO AD UNA TUTELA DEL CITTADINO, CHE DI FATTO COMUNQUE NON SI REALIZZA.
 
√ą come affermare: quel ristorante ha (per giunta, da anni) moltissimi clienti, quindi le cucine sono sporche, il cuoco cucina frettolosamente e non guarda lui i piatti, ma li fa guardare ai suoi collaboratori, gli ingredienti sono pessimi.
Come si fa a sostenerlo nel 2013?
 
Solo qualche ristorante nelle vicinanze (facente parte da anni di autorevole ‚Äúconsorzio‚ÄĚ) un tempo pieno, ma oggi con¬† meno clienti, anche perche‚Äô spesso usciti di li‚Äô con il mal di pancia, con le cucine veramente unte e logorate, con cuochi (in camici impeccabili recanti il marchio del ‚Äúconsorzio‚ÄĚ)¬† che si limano le unghie vicino le pietanze, si prende la briga di fermare il primo cliente che esce dall‚Äôaffollato ristorante, per fargli dire qualcosa che l√¨ dentro, a suo dire e per una sola volta, non √® andato.
Il cd. utile-idiota, che da cittadino comune si trasforma in un tecnico espertissimo di deontologia notarile, guarda caso proprio nelle ‚Äúspontanee dichiarazioni‚ÄĚ rese, e che da gestore di attivit√† di cartomanzia con la moglie, diviene ‚Äúpensionato/uomo della strada‚Äú).
 
O, ancora, come voler sostenere che un Presidente di Tribunale che, con particolare dedizione, firma numerosi Decreti di Omologa di separazione tra coniugi, siccome ne fa molti, allora li fa male, o li fa fare al cancelliere, o comunque esperisce un tentativo di conciliazione evidentemente ‚Äúpoco personale‚ÄĚ.
 
MANCANZA DI DECORO E PRESTIGIO DELLA CLASSE NOTARILE?
 
Certamente, ma purtroppo in parte istituzionalizzata e diretta, credetemi,  a mantenere posizioni garantite.
Basta vedere le ridicole norme sulla competenza territoriale, dove già il Consiglio di Stato (per fortuna) ha avuto modo di pronunciarsi, o le delibere sulle tariffe, dove l’Antitrust e’ attentamente al lavoro e vigila su alcuni Consigli Notarili e dove la Cassazione pochi giorni fa ha avuto modo di intervenire.
 
O, ancora, l‚Äôavvilente esistenza di doverosi precisi richiami scritti fatti dal ‚ÄúMinistero della Giustizia‚ÄĚ nel potere di Alta Vigilanza, proprio sulle anomale modalit√† di esercizio dell‚Äôazione disciplinare svolta da alcuni Presidenti di Consigli Notarili.
Io, comunque, credo ancora e sempre nella Giustizia, non solo quella ultima e sicura di Nostro Signore, ma anche quella terrena, fatta da Uomini preparati e attenti al loro difficilissimo ruolo.
 
CREDO IN QUEGLI UOMINI che sono chiamati a giudicare situazioni delicate, collegate a momenti quotidiani di lavoro, anche carichi di stress e tensione.
 
√ą a quegli Uomini, nei quali ripongo ancora la massima stima e fiducia, ai quali rivolgo questa ‚Äúlettera aperta‚ÄĚ.
Nella speranza che ridiano equilibrio, decoro e senso pratico alla importante Professione di notaio che, ritengo, sia destinata a rimanere vicino alla gente ed ai cittadini, solo se realizzata con forme ed organizzazioni pi√Ļ attuali e consone ai tempi.
E che, invece, e’ destinata a scomparire ed a perdere di reale utilità ed attualita’ sociale, se la si vive ed esercita in maniera formalmente impeccabile, ma con la costante speranza di salvaguardare e mantenere comode ed irresponsabili rendite di posizioni, sedimentate nei decenni.
 
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/04/2014 09:09
Vendere online? Pi√Ļ facile col notaio Nuove severe regole e forti sanzioni da giugno: ma con il notaio, meno problemi per chi vende e maggiori garanzie per chi acquista in rete e in tv

24/09/2014 08:56
All'estero per acquisti, ma col notaio Acquistare casa in Francia, Spagna, Belgio e Lussemburgo si può, anche tramite il notaio italiano, senza spostarsi e con le garanzie di sempre


27/03/2014 09:10
E¬í possibile escludere uno o pi√Ļ figli dalla propria eredit√†? Oppure il coniuge? Genitori, figlie e parenti: come ‚Äúdiseredare‚ÄĚ per non lasciare nulla a chi, secondo noi, non merita

20/04/2013 12:00
Aumenta la tensione tra cittadini, banche e notai La fortissima crisi economica del nostro Paese, aumenta la tensione tra i Cittadini, gli Istituti bancari ed i Notai. In questo caso si Ť arrivati alla denuncia sia della banca sia del notaio, che ha seguito l'atto di vendita

12/06/2014 09:17
Matrimonio in vista? Prima passa dal tuo notaio Un contratto per regolamentare determinati rapporti tra i coniugi prima di sposarsi, non rappresenta certamente un accordo poco elegante...



Notizie da La nota del notaio
14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

18/12/2014

Compro casa, le nuove norme

Come acquistare casa con un contratto d'affitto, ovvero senza mutuo ed entrando subito nell'immobile. Ecco le nuove norme che tutelano sia chi compra sia chi vende


08/11/2014

La Cina ci copia anche i notai

Sempre pi√Ļ attratta dal Made in Italy, la Cina √® interessata e attenta anche al sistema della conclusione dei contratti immobiliari tramite notaio, come avviene da noi

13/10/2014

Magistrati e Notai, quale responsabilità disciplinare

Il 2006 rappresenta per l’Italia un anno rivoluzionario per il sistema disciplinare di due categorie istituzionali, di fondamentale importanza per la vita di uno Stato. Per i notai ci sarebbero ancora troppi margini di discrezionalità


24/09/2014

All'estero per acquisti, ma col notaio

Acquistare casa in Francia, Spagna, Belgio e Lussemburgo si può, anche tramite il notaio italiano, senza spostarsi e con le garanzie di sempre


15/08/2014

Contabilità aziendale e buste paga, ora anche online

Negli ultimi anni la tecnologia ha compiuto una vera e propria rivoluzione copernicana e ci√≤ che un tempo pareva impossibile oggi √® diventato ovvio, anzi non possiamo pi√Ļ farne a meno

28/07/2014

Guida Operativa sulla Certificazione Energetica

Pubblichiamo in allegato il file contenente la Guida Operativa relativa alla disciplina nazionale sulla Certificazione Energetica approvata dal Consiglio Nazionale del Notariato il 20 giugno scorso

13/07/2014

Banche, mutuo e immobile donato: ecco un possibile rimedio

Si chiama "Donazione sicura" ed è una polizza che preserva da danni economici chi acquista una casa se il venditore al quale era stata donata dovesse perdere i diritti


06/07/2014

La riforma del Catasto

Con un provvedimento di venerdì 20 giugno, Il Consiglio dei Ministri ha approvato un sistema che prevede l’istituzione delle Commissioni censuarie

12/06/2014

Matrimonio in vista? Prima passa dal tuo notaio

Un contratto per regolamentare determinati rapporti tra i coniugi prima di sposarsi, non rappresenta certamente un accordo poco elegante...

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier