Droga in casa, scattano le manette
di Salvo Mabini

E' successo a Lumezzane, coi carabinieri che ahnno rinvenuto la sostanza stupefacente grazie al supporto di un cane antidroga



Un altro colpo messo a segno dai Carabinieri che fanno capo alla Compagnia di Gardone Val Trompia nell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Questo mercoledì mattina i militari della Stazione di Lumezzane, nel corso di un mirato servizio con il supporto delle unità antidroga del Nucleo Cinofilo di Orio Al Serio, hanno effettuato la perquisizione dell’abitazione sita nel centro valgobbino in uso ad un giovane, cittadino marocchino in regola con il permesso di soggiorno, che sebbene fosse incensurato era da tempo attenzionato nei suoi movimenti.

Grazie al fiuto del cane antidroga è stato possibile rinvenire 7 dosi di cocaina già confezionate, pronte per essere cedute, ed un pezzo di circa ventina di grammi di hashish.

I carabinieri proseguendo nella perquisizione hanno poi rinvenuto anche una somma in contanti di 870,00 euro, due bilancine elettroniche di precisione e materiale vario per confezionare le singole dosi.

Lo stupefacente unitamente al materiale rivenuto veniva quindi sequestrato, al pari della somma in denaro ritenuta frutto di pregressa illecita attività, ed il giovane tratto in arresto e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, collocato in regime di permanenza domiciliare in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto che nella mattinata odierna si è tenuta nelle aule del Tribunale di Brescia.

Il Giudice, convalidando l’arresto, in accoglimento dei richiesti termini a difesa, rinviava l’udienza al prossimo 17 maggio senza disporre alcuna misura cautelare.


210415dro.jpg