Intred, + 21,3% nei primi nove mesi dell'anno
di red.

Prosegue nel migliore di modi la crescita di Intred, l’operatore di telecomunicazioni bresciano, dal 2018 quotato sul mercato Aim Italia di Borsa Italiana


Nei giorni scorsi il cda guidato da Daniele Peli ha esaminato il fatturato al 30 settembre 2019.

Nel dettaglio, i ricavi crescono a 15,2 milioni (+21,3%), sostenuto principalmente dalle vendite di connessioni in banda ultralarga cresciute del 47% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In miglioramento anche il settore della telefonia (+17%). In linea con lo scorso anno i ricavi da servizi da data center (Housing e Cloud) e accessori mentre sono leggermente in calo, come previsto, ilsettore della banda larga derivante da connettività basata su cavi in rame (-9%).

«Siamo indubbiamente soddisfatti della crescita dei ricavi e di quella degli utenti nei primi nove mesi che sono frutto di un costante impegno nell’investire quote importanti del nostro fatturato in innovazione sia in termini tecnologici sia in procedure - dichiara l’ad Daniele Peli -. Siamo particolarmente soddisfatti della nostra quota di mercato nelle aree in cui operiamo in particolare della Provincia di Brescia, storica area di operatività dell'azienda.
Se si considerano le migliori 1.000 aziende bresciane per fatturato si rileva che più del 33% di queste sono clienti Intred. L’obiettivo ora è rafforzare la nostra presenza ed aumentare le quote di mercato a Bergamo, Monza e Brianza, Milano e Lecco, oltre a quella di Brescia».

Fonte: Giornale di Brescia


191105intred.jpg