Gli scatti di Matteo Zubani anche al Forno di Tavernole
di Erregi

Un progetto che vede uniti la Cooperativa L'Aquilone, Cassa Padana e il fotografo marchense Matteo Zubani: dopo i successi di Gardone, Concesio, Pezzaze, fa tappa anche al forno fusorio di Tavernole la mostra "Non si vede bene che col cuore"

 
Dopo l’inaugurazione odierna, il 9 e 16 giugno (15/18) sono le due date di apertura della mostra "Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi" presso il forno fusorio di Tavernole.
 
Un' esposizione del fotografo marchenese Matteo Zubani, inseritosi nella quotidianità della cooperativa L’Aquilone e dei suoi utenti con problemi ed handicap per ritrarne i momenti significativi, semplici e di routine.
 
Una selezione di 25 scatti scelti tra gli oltre 200 realizzati da Zubani che rubano sguardi, piccoli gesti e attimi di magia nel mondo sempre sottovalutato o diversamente valutato della disabilità, mondo con cui gli operatori della cooperativa hanno a che fare da quasi 30 anni.
 
L’appuntamento di oggi è al Forno alle 18, per un aperitivo dall’atmosfera informale per far conoscere il lavoro di operatori, volontari ed educatori che propone anche corsi di manipolazione della creta, danza terapia, stretching dei meridiani, arte, sport, teatro e molto altro.
 
E non finisce qui: da questo mese di giugno grazie al formatore Roberto Peli, è stato attivato il percorso di formazione per operatori shiatsu e in autunno sarà il turno del festival musicale per la raccolta di fondi da destinare alle attività della Cooperativa in collaborazione con alcuni musicisti sensibili alla realtà della cooperazione.
 
Ultima iniziativa in programma per il 2013, che sfocerà però anche nel 2014, sarà la celebrazione dei trent’anni della presenza de L’Aquilone sul territorio per la gestione delle disabilità.
FornoFusorio.JPG FornoFusorio.JPG FornoFusorio.JPG