La Consulta giovani
di red.

Chi meglio dei giovani stessi per affrontare le tematiche giovanili? A Bovezzo nasce così la «Consulta» che avrà sede in municipio. Esordio in musica.

La Consulta giovanile di Bovezzo, promossa da Nicola Fiorin, assessore alle Politiche giovanili, non ha ancora ricevuto il crisma dell'ufficialità (occorrerà nominare l'organismo direttivo anche se il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità lo statuto), ma si è già formato un embrione di gruppo.
Entusiasmo alle stelle e buona volontà, sono le caratteristiche di Luca Ferrarini, Carmine Fraioli, Federica Gheda e Alessandra Rabbi, studenti tra i 18 e i 20 anni.
«L'Assessorato - spiegano - ci ha dato la massima autonomia. Siamo convinti che altri ragazzi ci seguiranno in questa avventura. Dai giovani ci aspettiamo un lavoro proficuo sul territorio perché conoscono bene i loro coetanei».
 
Il primo esordio domani alle ore 18 al Bar della Posta in via dei Prati con un concerto del gruppo «Drunk Sound».
Titolo dell'iniziativa «Nutella Party». La Consulta avrà presto una sede nei pressi del Municipio.
 
Fonte: Giornale di Brescia
 
Municipio.jpg